Villa comunale di Salerno, immigrato aggredisce i vigili. Esplode la protesta: «Dateci i taser»

venerdì 6 dicembre 10:00 - di Paolo Sturaro
villa comunale di Salerno
Ancora un episodio di violenza, stavolta nella villa comunale di Salerno. A farne le spese i vigili, che sono stati aggrediti da un immigrato. E ora protestano con forza chiedendo la pistola elettrica.

Lo scontro nella Villa comunale di Salerno

Tutto è accaduto nel corso dei controlli sugli ambulanti abusivi. Tre agenti della polizia municipale sono rimasti feriti. Come riporta dettagliatamente il Mattino, c’è stato uno scontro con un ambulante proveniente dalla Costa d’Avorio. Non ha voluto sgomberare il telone con gli oggetti che aveva esposto. La colluttazione con l’immigrato è avvenuta nella villa comunale di Salerno, alla presenza di alcuni passanti.
Per aiutare i due agenti, sono arrivati quattro vigili. Ci sono stati momenti di grande tensione, la gente ha avuto paura. Nel corpo a corpo – secondo quanto riporta il Mattino – sono rimasti feriti tre vigili, tra cui una vigilessa. Un agente ha riportato una costola incrinata.
I vigili hanno poi immobilizzato l’aggressore tra gli applausi di chi si trovava lì. «Vogliamo il taser», dicono ora gli agenti. Gli agenti chiedono da subito la dotazione e i corsi per l’utilizzo del Taser, la pistola a impulsi elettrici di cui sarà dotato anche il comando di Salerno. Il decreto sicurezza – approvato l’anno scorso – permette alle polizie locali di munirsi dello strumento. Ma solo nei Comuni con più di 100mila abitanti. Il Comune di Salerno dovrà comunque fare una modifica del regolamento prima di adottare la pistola elettrica.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica