Sull’emergenza casa FdI costringe Zingaretti alla retromarcia. Tutelare gli italiani

sabato 14 dicembre 11:30 - di Francesco Storace

Marcia indietro di Zingaretti sulla case popolari agli immigrati regolari. Se ne era accorto per primo il consigliere Righini di Fratelli d’Italia che aveva denunciato la manovra nella legge di stabilità. La giunta è stata costretta a ritirare un articolo indecente.

Consigliere Righini, finalmente una battaglia giusta vinta.

“Non è stato facile riuscire a far scomparire questa norma contenuta nella legge di stabilità, ci siamo riusciti grazie alla nostra determinazione e devo dire anche grazie alla compattezza del cdx fatto piuttosto raro in regione Lazio, speriamo sia un buon segnale per il futuro”. 

“Volevano favorire clandestini e centri sociali”

Che cosa avevano previsto nella sostanza e chi ne era il mandante?

“In sostanza si prevedeva una sanatoria alle occupazioni abusive stabilendo addirittura la deroga ai requisiti stabiliti per l’accesso ordinario. In pratica una norma che aveva il solo obiettivo di riservare una quota consistente di abitazioni da riservare alla sanatoria delle occupazioni abusive dei centri sociali e degli immigrati irregolari… Ovviamente il mandante è la consistente ala sinistra della maggioranza Zingaretti che ha dato segnali di sofferenza rispetto alla soppressione. E la Raggi ci mette del suo“. 

“Zingaretti ci riproverà. Ma c’è la proposta di Fdi per gli italiani”

Torneranno alla carica?

“Sicuramente. Lo hanno già annunciato e lo faranno con una specifica proposta di legge, noi daremo battaglia chiedendo che il testo base sia quello che Fratelli d’Italia ha già depositato da mesi”.

Che cosa prevede la vostra proposta?

“Il nostro testo prevede la risoluzione di due grandi questioni: la prima è la sanatoria per le famiglie italiane che da anni attendono questa misura per regolarizzare occupazioni dettate da un oggettiva situazione di difficoltà economica e sociale. La seconda prevede il riconoscimento di un punteggio per tutte le famiglie italiane che partecipano da anni ai bandi ma si vedono scavalcare puntualmente da extracomunitari solo perché hanno più figli a carico o un isee più basso. Credo che la nostra proposta possa offrire una risposta concreta ai nostri connazionali che la aspettano e la meritano da anni”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • GMC Firenze 14 dicembre 2019

    Maledetti comunisti = anti italiani

  • In evidenza