Salvini: «Voglio guardare in faccia quel giudice che preferisce gli scafisti a un ministro»

mercoledì 18 dicembre 14:10 - di Redazione
Salvini

È pronto ad andare in tribunale e guardare in faccia il giudice. Matteo Salvini commenta così l’autorizzazione a procedere del tribunale dei ministri nei suoi confronti. Il leader della Lega è accusato di “aver abusato dei suoi poteri” quando era ministro. O meglio di sequestro di persona, per la vicenda del blocco dei migranti sulla nave Gregoretti, lo scorso luglio. Un déjà vu del caso Diciotti.

Salvini: sono pronto a farmi processare per sequestro di persona

«Per me non sarebbe un problema andare in tribunale. E guardare in faccia un giudice che tra un ministro e chi trasporta illegalmente immigrati irregolari, simpatizza per i secondi. Il fatto che io rischi 15 anni di carcere per aver difeso i confini del mio paese – sottolinea l’ex ministro dell’Interno – mi fa dire che in Italia c’è un problema». E ancora, a proposito dei continui attacchi delle toghe. «Ringrazio la maggioranza della magistratura, che è obiettiva e corretta. Ma c’è parte che fa politica, fa ridere che ministro venga indagato e processato per aver fatto il proprio dovere».

«Ma quale governissimo. È un’invenzione della stampa»

Si rifiuta invece di parlare dell’ipotesi di un presunto governissimo con Renzi. «È una vostra invenzione e non commento le vostre invenzioni», risponde lapidario ai giornalisti. Una ricostruzione smentita anche dal renziano Migliore.

Poi lancia una provocazione velenosa al premier. «Conte si preoccupi di una manovra che massacra gli italiani. Se facciamo due passi per Roma vediamo chi tra noi due ha più consenso, Io lo aspetto per una passeggiata», dice Salvini a proposito delle parole del premier sul calo della Lega nei sondaggi.

Niente cerimonia natalizia al Colle. Il leader leghista non andrà. «Immagino che ci saranno delle polemiche, visto che oggi al Quirinale ci sono gli auguri natalizi, con deputati e senatori. Ma ho un aereo alle 14, c’è la recita di Natale di mia figlia e dovendo scegliere, ubi maior…».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • guido pirzio 20 dicembre 2019

    Sono talmente schifato da questi pagliacci che sono membri di questo governo ho così poca stima di questo PDR che se Salvini va dalla figlia non posso che applaudire l’educazione di un ragazzo vale molto di più

  • carla 19 dicembre 2019

    Di Maio si vuole vendicare? Boh !! Salvini contro gli scafisti, difendere i confini e’ orribile?

  • Rodolfo 19 dicembre 2019

    Le accuse a Salvini, ma domani se Fratelli d’Italia dovesse continuare a crescere, come sarebbe opportuno, anche Giorgia Meloni potrebbe incorrere nelle ire dei magistrati comunisti, ne mostrano lo strapotere. Prime cose da fare: ridurre i poteri dei magistrati, scioglierne le associazioni, licenziare chi fa politica. Il popolo del centro destra dovrebbe scendere in piazza contro certa magistratura.

  • Angela 19 dicembre 2019

    Bravo Salvini prima della politica esiste la figlia . Complimenti sono con lei.

  • maurizio pinna 18 dicembre 2019

    Storicamente un Comandante funziona se è preparato, saggio e dispone di uno Stato Maggiore in grado di analizzare i problemi e individuare delle LINEE D’AZIONE POSSIBILI alla luce delle POSSIBILI AZIONI DEL NEMICO. Qualsiasi siano i mezzi tecnologici a disposizione e il carisma del Capo, a nulla valgono se la predetta analisi non viene condotta con la dovuta scrupolosità. Riferendoci al caso specifico, anche la possibile INFERENZA della Magistratura andava analizzata, eccome.
    Assomiglia tanto alla famosa carica della Brigata Leggera Lord Cardigan a Balaclava, nel 1854, lo scintillo di 600 sciabole che caricano contro le artiglierie nemiche è spettacolare, ma la guerra non si fa così.

  • maurizio pinna 18 dicembre 2019

    Purtroppo siamo nel 1789, frimaio/nevoso.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica