Ladri entrano in casa, ragazzino li mette in fuga come nel film “Mamma ho perso l’aereo”

martedì 10 dicembre 18:27 - di Redazione
Ladri

Ladri in azione. Come nel film Mamma ho perso l’aereo, un ragazzino di 12 anni ha sventato un furto nella sua abitazione. Rimasto solo in casa a Merate in attesa che la mamma andasse a prendere il fratellino all’asilo, ha improvvisamente sentito i ladri che tentavano di sfondare la finestra per entrare e depredare la villetta della sua famiglia. Sebbene terrorizzato, il ragazzino è rimasto lucido. Certo che i malviventi stessero per raggiungerlo, ha afferrato lo smartphone e si è rifugiato in bagno assicurandosi di chiudere bene la porta. E ha chiamato la mamma.

Ladri, la telefonata alla mamma

«Mamma, i ladri stanno sfondando la finestra». Non ha detto altro. Quest’ultima in auto ha immediatamente fatto dietrofront ed è tornata a casa, suonando disperatamente il clacson una volta entrata in cortile. A quel punto i ladri hanno scoperti con le mani nel sacco si sono dati alla fuga. L’episodio è avvenuto a fine novembre alla periferia della cittadina della Brianza lecchese. Ed è stato reso noto dai residenti disperati dai continui attacchi dei malviventi. Assalti che si sono intensificati in questi giorni prenatalizi. Nel lecchese, soprattutto nella zona di Merate, si sta registrando una vera e propria escalation di furti. Ciò che desta maggiore preoccupazione è la modalità con cui viene messo a segno il colpo. I ladri entrano in azione n pieno giorno e talvolta anche alla presenza dei proprietari dell’appartamento.

Escalation di furti: il caso Bazzano

Furti che si stanno verificando un po’ dovunque nel Paese: da Milano, a Roma, passando per Padova. La paura tra i cittadini è tanta. Ma agiscono anche di notte. Basti ricordare l’omicidio di Bazzano. Agli inizi di dicembre il custode di una villa ha sentito rumori alla porta. Ha quindi sparato dalla finestra cinque colpi in aria con l’intento di mettere in fuga i ladri. Ma uno di loro è stato colpito.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza