Beccata la banda delle donne: 3 nomadi “esperte” nel saccheggiare case, 3 ladre seriali

mercoledì 11 dicembre 15:20 - di Redazione
ladre nomadi Adnkronos

In un quartiere di Torino particolarmente battuto da loro, tre nomadi hanno seminato il panico a lungo. Tanto da diventare l’incubo dei residenti del circondario, presi di mira per l’odiosa pratica criminale dei furti negli appartamenti.

Beccata la banda delle donne: in manette 3 nomadi

Per fortuna, dopo appostamenti e controlli in incognito, ieri i carabinieri sono riuscite a intercettarle e fermarle. E guarda caso, le tre sono erano davanti a un portone quando sono arrivati i militari. Con in mano due grossi cacciaviti e una lastra di plastica con cui aprire le serrature chiuse senza una mandata. Abili. Esperte. Attive senza sosta, le tre ladre nomadi erano diventate l’incubo dei residenti del quartiere San Salvario. Specializzate di furti in appartamento, i carabinieri sono arrivati ad arrestarle dopo una serie di controlli del quartiere compiuti da militari in divisa e in borghese. Dopo attività di monitoraggio e dopo i riscontri ottenuti indagando sui casi di furti già compiuti e denunciati.

Sono specializzate in furti d’appartamento

Si tratta di tre ragazze nomadi, di 22, 23 e 24 anni, senza fissa dimora, che ora dovranno rispondere di tentato furto in abitazione. Le giovani, come anticipato poco sopra, erano nei pressi di diversi portoni della zona mentre citofonavano per verificare la presenza dei residenti. Quindi, fermate dai carabinieri, hanno dovuto consegnare gli strumenti che avevano con loro, utili per una eventuale effrazione. Che nel caso specifico di ieri pomeriggio, non sono riuscite a compiere. Durante gli accertamenti su due porte di abitazioni private, allora, sono stati trovati segni compatibili con gli strumenti di effrazione sequestrati. Sono comunque in corso ulteriori approfondimenti per verificare se siano stati commessi furti nella zona anche nei giorni precedenti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza