Presa a morsi e spogliata: viaggio dell’orrore sul treno per Milano. È caccia a un nordafricano

martedì 19 Novembre 16:35 - di
nordafricano

Ancora un treno dell’orrore. Momenti di panico per una ragazza di 28 anni a bordo di un convoglio Trenord diretto a Milano Porta Garibaldi. Presa a morsi, spogliata e picchiata da un passeggero, la vittima ha iniziato a urlare. L’uomo ha  tentato di violentarla. Ma grazie alle grida della donna gli altri passeggeri sono intervenuti, impedendo lo stupro. L’uomo non è stato ancora preso. I testimoni lo descrivono come nordafricano. Sul posto i carabinieri della compagnia di Seregno, gli agenti della Polfer ed i sanitari del 118.

Film horror sul treno per Milano

La giovane si trova al pronto soccorso dell’ospedale di Desio. Per fortuna  tanta paura ma nessuna grave conseguenza fisica. I quotidiani locali hanno descritto la dinamica del grave episodio. L’aggressione si è verificata tr venerdì e sabato, a bordo del Trenord 25081 poco dopo le 22. La vittima  è stata avvicinata da un ragazzo, descritto come nordafricano dai testimoni  dalla ragazza. I due si sono trovati da soli all’interno della carrozza. Subito l’uomo l’ha spinta ad un angolo e cercando in ogni modo di strapparle i vestiti e di metterle le mani addosso. L’ha morsa a una spalla. La giovane, pur in preda al terrore, ha avuto la prontezza di spirito di  opporre resistenza e urlare.

La polizia dà la caccia a un nordafricano

La fortuna ha voluto che il capotreno e  altri passeggeri abbiano udito e subito abbiano prestato soccorso alla sventurata. L’aggressore a quel punto  è riuscito a scappare, scendendo alla stazione ferroviaria di Seregno. Gli inquirenti stanno vagliando le immagini tratte dalle  videocamere di sorveglianza presenti in stazione nella speranza di trovare elementi utili per arrivare al mani per arrivare al maniaco.

Viaggiare in treno si sta ttrasformando in un film horror. I casi sono numerosi, dai tentativi di strupro alle aggressioni di capotreno e personale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *