Gli ambulanti dell’Ana all’attacco della Castelli: “Fa figli e figliastri: riceva tutte le associazioni”

martedì 26 Novembre 12:27 - di Redazione
ambulanti

Ambulanti dell’Ana in fibrillazione. “Siamo sorpresi. Nonostante le nostre richieste ufficiali e nonostante abbiamo indetto una manifestazione nazionale, il viceministro del MEF,  Laura Castelli, fa una selezione delle associazioni che ci rappresentano». Lo dichiara Angelo Pavoncello vicepresidente nazionale vicario e Portavoce  dell’Associazione Nazionale Ambulanti. «Ne ha incontrate solo alcune, così come apparso nei vari comunicati stampa, emessi dal suo stesso ufficio».
«È impensabile che un rappresentante del governo faccia figli e figliastri”. Ascoltare le regioni di chi propone migliorie a questa legge di bilancio non può discriminare alcune sigle. Occorre  salvaguardare l’intera categoria degli ambulanti. Che muove il 2,4% del PIL nazionale».

Manifestazione degli ambulanti a Roma

“Abbiamo inviato la richiesta sia a lei, che al Presidente del Consiglio Conte. Poi al Ministro Gualtieri”,  aggiunge Marrigo Rosato Segretario Nazionale di ANA. L’obiettivo è “sottoporre loro le proposte di modifica per salvaguardare e rilanciare la nostra categoria. Senza avere nessuna risposta”. A questo punto confidiamo in una convocazione da parte del Presidente del Consiglio Conte – conclude Pavoncello – mercoledì durante la manifestazione che si terrà a piazza Montecitorio alle 9:00, dove, come detto ci saranno migliaia di ambulanti provenienti da tutte le regioni italiane».

La manifestazione ha come obiettivo, tra gli altri,  quello di spingere il governo ad adottare una tassa unica, che semplifichi gli adempimenti degli ambulanti;  ed unificando IRPEF ed IVA con un versamento forfettario secondo il principio “pagare poco per pagare tutti” che porti alla esclusione degli ambulanti alla esclusione dell’obbligo del registratore di cassa, della emissione dello scontrino elettronico e della lotteria degli scontrini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *