Forza Italia, è l’ora della Pascale: «Sì al dialogo con la sinistra per i diritti dei gay»

domenica 10 novembre 11:54 - di Valerio Falerni
Pascale

Incontrarsi e non dirsi addio. Almeno per il momento, poi si vedrà. Può riassumersi così l’incontro tra Silvio Berlusconi e Mara Carfagna, l’esponente azzurro più indiziato di propositi scissionistici. Momentaneamente archiviati, a quel che è trapelato. I due, anzi i tre – c’era anche Francesca Pascale – si sono visti ad Arcore, precisamente a villa Maria, la residenza della compagna del Cavaliere. Dettaglio importante, poiché lascia intendere che sia stata proprio la Pascale la regista dell’incontro. Riuscito a metà, stando ai rumors. Benissimo sotto il profilo umano. Meno bene sotto quello politico, con le distanze tra i due che restano invariate. La Carfagna è infatti sempre più decisa ad opporsi alla «salvinizzazione» di Forza Italia, gradita invece alla parte settentrionale del movimento. In mezzo Berlusconi, sempre meno convinto di un rilancio della sua creatura e sempre più propenso a ritenere inevitabile l’egemonia leghista sul centrodestra.

La Pascale intervistata dal Messaggero

«È momento complicato», sentenzia proprio la Pascale in un’intervista al Messaggero. E il suo interventismo ne è la conferma. Da tempo, infatti, la compagna dell’ex-premier ha intensificato la presenza sui social non perdendo occasione di far trapelare la propria antipatia per Salvini. L’altro tasto battuto è quello dei diritti civili. Un altro modo per marcare la distanza tra Forza Italia, Lega e FdI. «Sa cosa mi ha fatto innamorare tra le tante cose di Berlusconi – si legge ancora nell’intervista -? Il suo amore per la libertà e il rispetto degli altri. In 15 anni non mi ha mai imposto stili di vita. Per me l’amore è rappresentato da quella persona, sia esso uomo e donna». Per questo, aggiunge, «Berlusconi rimane l’unica speranza». Un ragionamento in cui non c’è spazio per successori o delfini: «FI è un partito costruito su Berlusconi. Non può esistere un successore, seppur valido. Chiunque pagherebbe il paragone con lui e inevitabilmente perderebbe la sfida». E quelli che non l’hanno capito sono i «traditori» e gli «ingrati»: «hanno lasciato il presidente», ma «non hanno avuto grande fortuna. Tutti».

«Gli omosessuali? anche nel centrodestra»

Proprio nei diritti la Pascale individua il terreno d’incontro per un dialogo tra sponde politiche opposte. «La sinistra è brava a scendere in piazza – incalza -, ma è stato il centrodestra a mettere nero su bianco alcune leggi con le ministre Prestigiacomo e Carfagna. Perché entrambe le parti non dialogano per la libertà di tutti?». E ancora: «Sa quanti politici gay ci sono nei partiti? Tantissimi. Ma non escono allo scoperto. Dovrebbero farlo, o almeno combattere le discriminazioni. Ce ne sono anche nel centrodestra». Parole che sembrano dare corpo ai boatos di queste ore circa il progetto Forza Italia Viva, la convergenza tra Renzi e i moderati di FI, che vedrebbe in primo piano proprio la Carfagna. Prima ancora, però, ci sarebbe la fase di una separazione consensuale con la formazione di gruppi autonomi alla Camera e al Senato. Con un regista d0eccezione: Gianni Letta.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Laura 11 novembre 2019

    Non ho assolutamente nulla contro i gay. Sono fatti loro, ma se FI si alleerà con la sinistra, scomparirà

  • Piera 11 novembre 2019

    No comment

  • otrllo pedini 10 novembre 2019

    Non diamo spazio agli starnuti delle pulci

  • Adri 10 novembre 2019

    Francesca Pascale = Veronica Lario 2 ?

  • Sandro Cecconi 10 novembre 2019

    Dopo questa lectio magistralis della signora ho potuto comprendere il significato della vita e della morte. Le parole e i concetti espressi sono di una profondità sconvolgente a tal punto che sono sicurissimo di non poter dormire per almeno un mese che dedicherò di certo alle mie riflessioni per trovare il senso della mia vita inutile. Sono sicuro che se Kant avesse potuto leggere i concetti riportati da questo articolo di Falerni non si sarebbe mai permesso di elaborare e scrivere “Critica alla Ragion Pratica” e in specila modo quando affronta il tema della differenza tra “l’Essere e il “Dover Essere”.

    Mio Buon Dio Ti ringrazio di essere stato testimone di cotanto impegno intellettuale.

  • giovanni vuolo 10 novembre 2019

    Adesso ci dobbiamo sorbire anche la Pascale come opinionista ed esponente politica !!! Insomma in Italia per diventare qualcuno si può fare di tutto, anche il bibitaro, tranne che studiare e formarsi una cultura, visto che i laureati c’è li ritroviamo a fare i camerieri, e solo i più fortunati lavorano in Italia, ma molti sono all’estero. Che vergogna !!!!!

  • In evidenza