Feltri sferzante sulla statura di Brunetta. E lui replica: «Non ho scelto io di essere basso»

sabato 16 Novembre 10:07 - di Paolo Sturaro
Brunetta

È scontro. Un duro botta e risposta. Ancora ironia sulla statura di Brunetta. Che la prende ovviamente male. Stavolta a “deridere” l’ex ministro è Vittorio Feltri. La sua battuta è affidata a Twitter: «Brunetta è andato a Venezia con l’acqua alta. Imprudente». Il riferimento è al fisico dell’esponente azzurro.

La replica è dura e amara. «Caro Feltri», dice il deputato di Forza Italia. «Nessuno nella vita può scegliere di essere alto o basso. Dipende da noi però, affrontare la vita con serietà, generosità ed amore piuttosto che con banalità opportunismi o razzismo».

Ma questo è solo uno dei tanti casi in cui si ironizza sulla statura di Brunetta. Ironie anche pesanti, in passato. Che talvolta si sono trasformate in insulti. Ultimamente hanno provocato rabbia le varie offese distribuite a destra e manca dal ministro Lorenzo Fioramonti. Una riguardava l’esponente azzurro: «L’unica cosa che mi fa sorridere è ripensare alle immagini di Brunetta protetto dai carabinieri mentre i manifestanti lo insultano… quella è una bella Italia. Ed era arrivato poi alla conclusione: «Vedremo. Ma secondo me qui finisce a mazzate. Se dovesse essere così, mi dispiacerebbe solo di non esserci».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Emilio Respighi 16 Novembre 2019

    Sono sempre stato orgoglioso di essere italiano ed ho sempre cercato di comportarmi in modo degno di quel mio abito di dignità culturale dal quale derva quello comportamentale.
    Da non poco tempo mi accorgo che ciò di cui mi sentivo circondato (senso del dovere, senso dell’onore, senso della dignità, valore della meritocrazia, ecc.) è sparito anche
    nel cosiddetto alto loco, come in questa occasione per la quale ci sarebbe solo da vergognarsi. Sì, vergognarsi di appartenere ad una società così meschinamente degradata. Ma, purtroppo, anche la vergogna non fa più parte del corredo intellettuale, politico o no che sia.