Rissa tra Chef Rubio e Saviano: «Lo scrittore dice bugie e fa da zerbino ai potenti»

lunedì 28 ottobre 12:17 - di Redazione

Due giganti del pensiero “social” (si fa per dire) si accapigliano su Twitter senza esclusione di colpi. Il primo a iniziare è Chef Rubio, già noto per una serie di uscite più che infelici, torna ad attaccare lo scrittore Roberto Saviano. «Il (falso) giornalista – in realtà opinionista – Roberto Saviano , non ha perso occasione per gettare discredito contro l’Iran. Prima affermando (mentendo) che nel Paese islamico è precluso alle donne l’accesso ai corsi universitari. Quando ve svejate?» cinguetta Rubio. Che condivide un pezzo dal titolo “Roberto Saviano continua a mentire” a firma Stefano Zecchinelli del giornale on line “L’Interferenza”.

Un tweet che scatena molte polemiche. «Stai criticando uno che ha lo stesso coraggio tuo. Sta fissa su di lui non la capisco – twitta BarrileteCosmico -. Io che sono napoletano ti posso dire che coraggio ci vuole ad andare a Casal di Principe a dire che la camorra è una montagna di merda». «Te vojo bene Rubio, ma stai a toppa’ de brutto» commenta Maria Grazia. «Sono sempre d’accordo con te…ma stavolta, pure tu, ce l’hai con Saviano? E daje… non è l’unico a dire ste cose». E ancora, scrive Raffaele con l’hashtag #chefconfusi: «Mi sa che hai mangiato una costoletta di troppo».

E non è il primo tweet contro lo scrittore. Anche nel precedente ha condiviso un altro pezzo del giornale on line “L’Interferenza” dal titolo “Roberto Saviano: scrittore anti-mafia o Arlecchino dell’Imperialismo?”, sempre di Stefano Zecchinelli. «Scrittore anti-mafia che ha imbellettato le centrali di comando capitalistiche che, riciclando denaro sporco, pompano spietate organizzazioni malavitose» ha twittato chef Rubio. «Nemico degli spacciatori di Scampia, ma zerbino dei bancarottieri di Londra», ha cinguettato lo chef. Provocando l’ineguagliabile tweet di Riccardo che, tra il serio e faceto, ha scritto: «Troppi grassi animali».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza