«Papà ci sta massacrando di botte», figlio di 12 anni chiede aiuto ai carabinieri e salva la madre

lunedì 21 ottobre 10:28 - di Redazione
figlio di 12 anni

Pugni, schiaffi, calci in piena notte per evitare che dormisse e un’escalation di violenze che l’ha imprigionata per anni. Finché il figlio di 12 anni non ha chiesto aiuto al 112, ponendo fine all’incubo della madre, una casalinga di 35 anni. È successo a Novellara, nel Reggiano. Siamo alla fine di agosto quando i carabinieri, su richiesta del ragazzino, intervengono nell’abitazione di una famiglia residente nella bassa reggiana. Viene alla luce un’inquietante vicenda di violenza domestica che andava avanti da diversi anni.

Il coraggio dei figlio di 12 anni

È stato proprio grazie al coraggio del ragazzino che il responsabile delle violenze, il padre, un uomo di 40 anni, è stato infine arrestato. La Procura reggiana, infatti, condividendo con le risultanze investigative dei carabinieri di Novellara, ha richiesto e ottenuto, dal Gip del Tribunale di Reggio Emilia, un provvedimento restrittivo di natura cautelare. Provvedimento che è stato eseguito dai militari, che, dopo l’arresto, hanno condotto il 40enne in carcere.

Le indagini hanno rivelato che l’uomo, dal 2013, sottoponeva a costanti vessazioni fisiche e morali la moglie. La donna era sistematicamente insultata, minacciata. L’uomo le mostrava anche un’ascia, la picchiava con pugni, schiaffi e calci anche di notte per impedirle di prendere sonno.

L’ultimo episodio di fine agosto, portato alla luce grazie al coraggio del figlio di 12 anni, ha visto il marito prendere a schiaffi e pugni la moglie. Le ha causato lesioni e l’ha costretta con violenza e minacce a subire atti sessuali completi persino davanti ai figli minori. Vessazioni fisiche e morali, poi, che l’uomo commetteva anche nei confronti del figlio 12enne, costretto ad assistere alle botte subite dalla madre. E sottoposto lui stesso a violenze, tanto da essere a sua volta minacciato con un’ascia. L’uomo è ora accusato di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e violenza sessuale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza