Leopolda: Renzi chiama i moderati, arriva Lele Mora. Voleva fare il partito dei vip…

domenica 20 ottobre 13:07 - di Domenico Bruni

Lele Mora alla Leopolda. Tra i tanti curiosi accorsi a Firenze, anche l’agente dello spettacolo Lele Mora si è affacciato Leopolda. “Sono venuto a salutare Renzi, per curiosità. Ero mussoliniano? Io sono mussoliniano ma la simpatia di un amico non si discute – ha detto Mora ai giornalisti -. Renzi mi ha invitato, ha detto vieni a salutarci e sono venuto. “Perchè sono vestito di nero? La camicia nera va sempre bene, snellisce”, ha scherzato Mora. Non ha mai nascosto le sue simpatie fasciste. Mora tuttavia non sembra intenzionato a prendere la tessera del nuovo partito Italia Viva. “No, niente tessere. Se è la nuova Forza Italia? Beh, lo spero per Renzi”, ha aggiunto. Condannato per evasione fiscale, bancarotta fraudolenta e favoreggiamento della prostituzione. Mora iniziò come direttore di parrucchiere. Poi aprì un’agenzia di spettacolo. Pochi mesi fa voleva fondare un partito dei Vip. Ma il progetto è naufragato, meglio la Leopolda.

Leopolda, Renzi non rinuncia alla polemica

Curiosa la dichiarazione di Teresa Bellanova alla Leopolda: “A quelli che non sono capaci di vedere la differenza tra Papeete e la Leopolda, tra piazza san Giovanni e questa manifestazioni diciamo avete un problema: siete accecati dal rancore”. Con un personaggio come Lele Mora osano parlare di Papeete.  E Matteo Renzi continua a parlare. “La Leopolda è il luogo dove si lanciano sfide. Fuori da qui sembra una parolaccia, ma noi diciamo che crediamo nella politica, la buona politica. E lo abbiamo dimostrato”. Lo ha detto concludendo la Leopolda. E non rinuncia alla polemica. Evidentemente piazza San Giovanni gli ha fatto davvero male. “Quota 100 è uno spot che costa 20 miliardi, uno spot di Salvini per dire che lui ha risolto il problema dei pensionati”. E fa anche una marcia indietro sul governo. “Dire qualcosa di positivo, proporre idee non è lanciare ultimatum ma fare politica. Se io propongo di non tartassare le partite Iva non è un ultimatum, ma dico che vi avete fatto di male la classe media?”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza