Cori razzisti allo stadio. Arrivano i pannelli acustici per scoprire di chi sono le voci

lunedì 21 ottobre 14:59 - di Stefania Campitelli

Arrivano i pannelli acustici per combattere i cori razzisti allo stadio. «È un prodotto in dotazione all’antiterrorismo, che consente di distinguere perfettamente la singola voce. Parola del presidente della Figc, Gabriele Gravina. «Faremo in modo che ci sia informazione sull’utilizzo di questo strumento. I soggetti che hanno voglia di inquinare e contaminare la dignità del calcio italiano e internazionale devono sapere che sono facilmente identificabili. E quindi punibili».

Arrivano i pannelli acustici contro i cori razzisti

Una sort di Var contro il razzismo? «Meglio», dice Gravina tornando riprendendo l’idea per i club di dotarsi di speciali pannelli acustici capaci di individuare la provenienza esatta dei cori dalle curve.

«L’idea – specifica il presidente della Federazione italiana gioco calcio –  è quella di applicare in maniera puntuale le norme già esistenti. Con le relative sanzioni. Quindi iniziamo da quello che già oggi esiste. Il nostro protocollo è molto severo. A volte ci sono modalità che non consentono di intuire in maniera dettagliata il coro razzista. Come avvenuto ieri a Genova. Quindi ci stiamo attrezzando, perché la sfida è sempre molto attuale».

Le scuse della Roma a Vieira

Il riferimento è alla partita Sampdoria Roma di domenica scorsa. Durante il primo tempo dal settore ospiti occupato da circa 2000 tifosi giallorossi si sono uditi “buu” razzisti nei confronti di Ronaldo Vieira. Il centrocampista di colore della Sampdoria.  L’episodio sarebbe stato ripetuto in più occasioni ed è stato annotato dal quarto uomo. La AS Roma con un post pubblicato su Twitter si è scusato con Ronaldo Vieira. «La società non tollera alcun genere di razzismo e supporterà le autorità nell’individuare e, conseguentemente, mettere al bando i responsabili degli insulti razzisti nei confronti del centrocampista», si legge in merito a quanto avvenuto nel pomeriggio a Marassi in occasione della gara con la Sampdoria.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Francesco Ciccarelli 21 ottobre 2019

    Per combattere il razzismo si arrivera’ a spiare “le vite degli altri”? Mi sembra una soluzione peggiore del.male!

  • In evidenza