Chieri, cinque bambini travolti da un suv davanti all’asilo. Una è in condizioni gravi

martedì 8 ottobre 17:05 - di Redazione
Chieri asilo

A Chieri, all’asilo Casa nel bosco, sono terminati poco fa i rilievi dei carabinieri. Intorno alle 11 un suv posteggiato in lieve salita, per cause ancora in corso di accertamento, improvvisamente è indietreggiato investendo quattro bimbi. I bambini hanno tra i due e i tre anni. Una è ora ricoverata in gravi condizioni al Regina Margherita di Torino. I bambini si trovavano con gli educatori ed erano andati a vistare la stalla.

Gli investigatori stanno valutando la posizione della persona che aveva in uso la vettura posta sotto sequestro. Al momento l’ipotesi è lesioni personali stradali gravissime. I carabinieri hanno accertato che il suv che ha investito i piccoli è stato lì parcheggiato dal  fratello della titolare dell’asilo e non dal padre, che è l’intestatario del mezzo.

Chieri, la bimba più grave operata a Torino

La bambina che versa in gravi condizioni ha due anni e nove mesi. Ha riportato un trauma cranico toracico addominale. È in sala operatoria per un delicato intervento neurochirurgico. La prognosi è riservata.

«È un parcheggio scolastico ci si muove con bambini e autovetture – ha spiegato la titolare dell’asilo – I nostri alunni erano sorvegliati, è stato un fatale incidente, stavano andando con gli educatori dai nostri animali. Probabilmente il freno a mano non ha tenuto, siamo tutti molto scossi». Ora l’attenzione è tutta rivolta ai piccoli rimasti feriti.

Gli investigatori dovranno accertare cos’è stato a causare il movimento della vettura. L’auto era posteggiata in leggera discesa e all’improvviso ha iniziato a indietreggiare. Un guasto tecnico o il freno a mano tirato male? Saranno le indagini in corso a fornire una precisa risposta.
Oltre alla bimba operata alla testa, altri due che hanno riportato varie contusioni meno gravi.Un quarto bambino di 2 anni ha avuto solo alcune escoriazioni curate sul posto. Altri bimbi sono per fortuna rimasti illesi nonostante il grande spavento.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza