Tumore polmonare, una super terapia triplica la sopravvivenza dei malati

martedì 10 settembre 13:48 - di Mia Fenice

Arriva dall’immunoterapia una speranza concreta per i circa diecimila italiani che ogni anno ricevono la diagnosi di tumore polmonare di tipo squamoso, uno dei più difficili da curare perché quasi sempre privo dei “bersagli”molecolari contro cui sono diretti i farmaci biologici finora a disposizione: combinando l’immunoterapico atezolizumab con la chemioterapia la malattia rallenta in tutti i casi, e in alcuni pazienti metastatici la sopravvivenza quasi triplica, passando da una media di appena 10 mesi a ben 23 mesi.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza

contatore di accessi