Su Bibbiano partono le fake news di Pd-M5s. Il consigliere leghista le smonta su Fb

venerdì 13 settembre 18:49 - di Giovanni Pasero

«Ieri in Commissione d’inchiesta sul caso “affidi” di Bibbiano abbiamo effettuato due audizioni. La commissione è cominciata alle 15:00, mezz’ora in ritardo per mancanza del numero legale, ed è durata diverse ore. Le due audizioni sono state molto interessanti e utili a capire alcuni funzionamenti su cui baseremo le nostre domande anche nelle prossime audizioni». Lo scrive su Facebook Gabriele Delmonte, consigliere regionale dell’Emilia Romagna finito nel mirino di grillini e dem.

La foto di Delmonte, presente in commissione. La prova della bufala di Pd e M5s

Le fake news sui consiglieri che vogliono far luce

«Visto che alcuni membri di M5S e PD –prosegue il consigliere leghista – si divertono a fotografare un momento di assenza dichiarando il falso mentre sostengono che non ero presente, vorrei mostrare, forse abbassandomi al loro livello politico, che sia durante la prima esposizione che durante la seconda ero lì, in prima fila, ad ascoltare e prendere appunti. E queste foto sono fatte da giornalisti non da consiglieri di parte. Spero che si alzi il livello della campagna elettorale di questa alleanza giallo-rossa perché è partita molto male!».

La bufala su Bibbiano di Dem e M5s

A diffondere la bufala il consigliere e segretario regionale del Pd in Emilia-Romagna, Paolo Calvano, che sui social network nel tardo pomeriggio ha pubblicato una foto degli scranni vuoti dei leghisti durante la seduta di ieri della commissione speciale sugli affidi in Regione.  L’altra propalatrice di fake news è una esponente grillina. «Abbiamo terminato ora la seduta iniziata alle 14.30 sui minori della Val D’Enza – ha scritto su Facebook la consigliera regionale M5s Silvia Piccinini – in audizione, i responsabili del servizio socio-sanitario regionale e la presidente del Cismai. Ma la Lega?», pubblicando anche la foto dei banchi vuoti degli esponenti del Carroccio.

Mai più Bibbiano: non si abbassa la guardia

C’è da chiedersi, semmai, perché la nuova alleanza prenda di mira proprio i consiglieri della commissione affidi. Per non abbassare la guardia, in queste ore “Giù le mani dai bambini”, “Mai più Bibbiano”. “Conte vienici a parlare di Bibbiano”. Cori davanti a Palazzo Chigi per la protesta del Movimento nazionale #bambinistrappati. Donne e madri a cui sono stati tolti figli e nipoti e che non hanno più loro notizie. «Abbiamo paura che questo nuovo Governo non parli più di Bibbiano”, dicono e “chiediamo commissioni regionali d’inchiesta per fare luce sugli affidi illeciti». Il movimento composto da 15mila persone è presente in numerosi Comuni d’Italia. «Saremo qui ogni giorno- dicono – perché si faccia luce su Bibbiano e su tutti i casi di bambini strappati».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 13 settembre 2019

    E poi non devo parlare male di questi idioti?

  • In evidenza

    contatore di accessi