«Schumacher è cosciente»: l’indiscrezione che filtra dall’ospedale di Parigi riaccende la speranza

mercoledì 11 settembre 14:38 - di Redazione

E dalla terapia su protocollo medico segreto trapela un’indiscrezione importante: l’ex campione di Formula 1, Michael Schumacher, «è cosciente». A rivelarlo, secondo quanto riferito in queste ore da Le Parisien, una dottoressa del reparto di cardiologia appena uscito dal reparto-bunker dell’ospedale parigino in cui il pilota è ricoverato in questi giorni.

Parigi, una dottoressa: «Vi assicuro che è cosciente»

Come noto, l’ex campione di Formula 1 Michael Schumacher è a Parigi, all’ospedale parigino Georges Pompidou, seguito dal professor Philippe Ménasché, un pioniere nella terapia cellulare, per seguire un protocollo medico segreto. Quello che finora non era noto, o quanto meno, non era dato per certo, è che il pilota tedesco della Formula 1 potesse avere un seppur minimo livello di coscienza. E invece, secondo quanto riportato in queste ore da Le Parisien, la notizia arriverebbe direttamente dalla struttura parigina all’avanguardia, per l’occasione trasformata in un bunker: Schumi sarebbe «cosciente». Dal suo grave incidente sugli sci nel 2013 a Méribel, la sua famiglia mantiene segreto il suo vero stato di salute, ma secondo quanto riporta il giornale d’oltralpe, attribuendo frasi “rubate” al personale sanitario che si alterna al suo capezzale: «Sì – avrebbe detto a un collega una dottoressa del reparto di cardiologia uscendo – è nel mio reparto. E ti assicuro che è cosciente».

La visita di  Jean Todt

Non solo: sempre secondo le fonti del quotidiano francese, Schumi dovrebbe partire stamattina, se il programma sarà rispettato, mentre ieri alle 17:15, Jean Todt è andato a fare visita a Schumacher per 45 minuti, prima di lasciare l’ospedale da un’uscita secondaria. L’ex team principal del team Ferrari durante gli anni in cui Schumacher ha dominato la Formula 1 è rimasto molto vicino alla famiglia. Triste coincidenza, a pochi chilometri da Parigi, il mondo della Formula 1 si riuniva per un altro evento drammatico: il funerale a Chartres del giovane pilota Anthoine Hubert, morto a 22 anni in una violenta collisione nella gara di Formula 2 di Spa-Francorchamps in Belgio il 30 agosto, a cui hanno preso parte Alain Prost e Jean Alési, ma anche Mick Schumacher, il figlio del campione tedesco che non ha parlato delle condizioni di suo padre.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi