Nigeriano picchia il coinquilino e manda all’ospedale due poliziotti

martedì 3 settembre 15:14 - di Redazione

Nella mattinata di ieri, personale una volante della polizia di Modena ha arrestato un nigeriano di 26 anni per i reati di lesioni personali aggravate e resistenza a pubblico ufficiale. Gli agenti sono intervenuti presso un appartamento in via Zurlini, a Modena, a seguito di una chiamata alla centrale operativa tramite numero di emergenza 112 Nue che segnalava una lite in corso tra due coinquilini stranieri richiedenti asilo politico.

All’arrivo della polizia, il nigeriano era ancora fuori di sé e stava inveendo contro l’altro ragazzo, un 28enne originario del Bangladesh, dopo averlo precedentemente colpito con un pugno. Gli operatori hanno cercato di tranquillizzarlo ma per tutta risposta lo straniero ha rivolto la propria rabbia nei loro confronti, minacciandoli di lanciargli degli oggetti che aveva a portata di mano, tra cui due cellulari. Prima che gli agenti riuscissero a sottrarglieli, ha estratto le due sim, gettandone una dal balcone dopo aver cercato di ingoiarla e piegando l’altra in modo da danneggiarla.

Il nigeriano sarà processato per direttissima

Il nigeriano, rifiutandosi categoricamente di andare in Questura, ha addirittura minacciato di gettarsi dal balcone e ha innescato una colluttazione con gli agenti, colpendoli con pugni e calci. Solo grazie all’intervento di un’altra volante, i poliziotti sono riusciti a bloccarlo definitivamente. Accompagnato in Questura, al termine degli accertamenti di rito, è stato trattenuto presso le celle di sicurezza in attesa del processo con rito direttissimo, come disposto dal magistrato di turno. Due degli agenti coinvolti nella colluttazione sono stati refertati dal pronto soccorso con prognosi, rispettivamente, di due e sette giorni per lievi contusioni e percosse.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi