Set 15 2019

Priscilla Del Ninno @ 12:41

Meloni, al via la petizione online: maggioritario e elezione del Presidente (video)

«Mentre il Pd e il M5S hanno impedito di mandare al voto gli italiani per avere la possibilità di eleggere il Presidente della Repubblica, Fratelli d’Italia continua a chiedere a gran voce il Presidenzialismo: una battaglia storica della destra e una riforma coraggiosa di cui l’Italia ha bisogno. Facciamo scegliere direttamente agli italiani il Capo dello Stato. Basta giochi di palazzo! E, ancora, basta senatori a vita: le sfide lanciate da FdI, in testa a tutti da Giorgia Meloni, non solo contro gli inciuci Pd-5S, ma anche per un reale rispetto della democrazia e per l’affermazione di una sovranità degli elettori del popolo italiano, troppo spesso decantata e poi rinnegata, si giocano tutte puntando al tavolo della riforma presidenziale che preveda anche l‘abolizione dei senatori a vita, che non sono eletti da nessuno ma che, come rileva una volta di più la Meloni nel video postato sul suo profilo Fb, «ancora una volta ultimamente, sono stati fondamentali per l’affermazione di questo “governo truffa”»…

Giorgia Meloni e la petizione FdI sull’elezione diretta del presidente della Repubblica

Come recita la petizione stessa, del resto, è noto che Fratelli d’Italia sostiene da sempre la necessità di una riforma presidenziale dello Stato. E certamente, gli ultimi sviluppi della crisi di governo aperta ad agosto e confluita, dopo manovre di palazzo e accordi sottobanco, nell’esecutivo dell’inciucio tra Pd e M5S con il placet dell’inquilino del Quirinale, non giova all’immagine di un Paese in cui i cittadini scelgono democraticamente da chi essere rappresentati e governati. Quello che, a partire dalla riforma per l’elezione diretta dal Capo dello Stato, invocano da tempo gli esponenti di FdI, a partire dalla numero uno del partito, Giorgia Meloni, e che, oggi, tornano a chiedere questa possibilità con la petizione lanciata online.

Una riforma rinviata e delegittimata in nome degli inciuci di palazzo

Come, recita l’intestazione della petizione allora, «d’altra parte è proprio l’articolo 1  della nostra Costituzione a stabilire che “la sovranità appartiene al popolo”». «Eppure – prosegue emblematicamente la petizione presentata e promossa online da FdI – il Presidente della Repubblica – nostro Capo dello Stato, comandante delle Forze Armate, presidente del Consiglio superiore della magistratura, colui che nomina il presidente del Consiglio – non è scelto dal popolo, ma viene eletto per via indiretta, sempre al termine di infiniti giochi di potere e sotterfugi decisi sulla testa degli italiani». Intanto, mentre a Pontida si raduna la folla leghista, e sul web la Meloni rilancia il concetto di sovranità del popolo che non può prescindere da una riforma presidenziale già troppo a lungo rinviata e delegittimata, a palazzo si decide – contro la volontà della maggioranza degli italiani, di proseguire nella politica dell’inciucio.