Capanna accusa Renzi di plagio e avvisa Conte: «Si cerchi mutande di ghisa»

18 Set 2019 12:30 - di Natalia Delfino

Neanche il tempo di annunciare il nome della sua nuova creatura e Matteo Renzi già si trova coinvolto in possibili beghe legali. A sventolare la possibilità di una causa per plagio è Mario Capanna, che nel 2000 pubblicò un libro che aveva per titolo proprio il nome scelto ora da Renzi: Italia Viva. Un nome che, è il pronostico, «a Renzi non porterà fortuna».

Altro che “Italia Viva”, «Renzi pensa solo a se stesso»

Capanna, che fu tra i principali leader del movimento giovanile del Sessantotto e che oggi è scrittore e attivista, ha spiegato che sulla questione del plagio nei suoi confronti è già al lavoro «un pool di avvocati». «Si sono offerti spontaneamente, non da me richiesti. Mi hanno detto: “Questo scippo deve rimanere impunito?” Beh, ho detto loro: “approfondite la materia”», ha chiarito, intervistato dall’Adnkronos. Insomma, l’avventura di Renzi non parte sotto una buona stella. E, d’altra parte, c’è un precedente, ricordato dallo stesso Capanna: «Anche la campagna elettorale di Veltroni nel 2008 si chiamava “Italia Viva”, ricordiamo tutti come andò, non gli portò certo fortuna». «Credo che anche in questo caso non porterà fortuna a Renzi: il plagio non paga mai, ha le gambe corte. Lui – ha sottolineato il leader del ’68 – prende una cosa buona e la converte nel suo contrario, una cosa cattiva». «Sarebbe davvero molto bello se Renzi si fosse ispirato al mio libro, ma credo che sia l’opposto. Nel senso che l’anima del libro è costruttiva, positiva, invece Renzi – ha detto – ha come punto di riferimento se stesso».

«Conte starà cercando mutande di ghisa…»

«Direi che tutto ciò che tocca – ha sottolineato ancora Capanna – diventa pietra e gli ricade sui piedi. Vedi referendum. È evidente che a uno così dell’Italia non importa nulla». “Italia Viva” è, dunque, solo uno slogan? «Io penso che poteva essere questo, un altro. A Renzi importa solo del proprio ego», è stata la risposta di Capanna, per il quale «in questo momento chi è più in fibrillazione è il premier Conte perché, con altre parole, Renzi gli ha detto in pratica lo “Stai sereno” che disse a Letta». «Immagino che Conte si stia adoperando per trovare mutande di ghisa», ha aggiunto lo scrittore, per il quale invece non è altrettanto chiaro se la mossa di Renzi si trasformerà in un favore al fronte sovranista. «Questo è difficile da dirsi, il fatto è – ha chiosato Capanna – che Renzi si è conferito la possibilità di ricatto permanente sul governo, sia per quel che riguarda le nomine, sia per quel che riguarda eventualmente l’elezione del Capo dello Stato… Una cosa bruttissima».

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA