Mafia nigeriana e riti voodoo, costrette al marciapiede con botte e ricatti: in manette 9 africani

martedì 9 luglio 11:43 - di Martino Della Costa

È scattata alle prime luci dell’alba l’operazione “Hope and Destiny”, che ha portato all’arresto di 9 nigeriani accusati a vario titolo di far parte di due distinte associazioni a delinquere a Parma e Bologna finalizzate al traffico di esseri umani dalla Nigeria. Solo l’ultima operazione effettuata in ordine di tempo e che, in un tragico rituale criminale, torna a denunciare abusi, violenze, ricatti inferti da uno dei più velenosi tentacoli della piovra nigeriana. Un mostro dalle mille facce che, esercitando violenza fisica e pressione psicologica, è riuscito a declinare il traffico di connazionali anche in un pericoloso quanto remunerativo “business” della prostituzione. È un dato sempre più inquietantemente confermato quotidianamente dalla cronaca che attraverso minacce, punizioni fisiche e la paura di ritorsioni ulteriori sui propri familiari inferta con i riti voodoo, aguzzini extracomunitari sempre più spietati si confermano decisi a tutto pur di indurre le vittime a versare i compensi delle loro prestazioni sessuali agli sfruttatori.

Costrette a prostituirsi con la violenza e sotto il ricatto dei riti voodoo

E allora non a caso, anche queste indagini, culminate nell’arresto dei 9 nigeriani di questa mattina, partite nel 2016, hanno permesso di disarticolare una complessa struttura organizzativa che faceva leva sull’intimidazione e sulla violenza per convincere a prostituirsi ragazze che, in alcuni  casi, venivano sottoposte a rituali voodoo e obbligate a prestare  giuramento di obbedienza nei confronti della propria maman. Raggirate, terrorizzate, schiavizzate, costrette a prostituirsi e persino a sottoporsi a inquietanti cerimoniali di ancestrale memoria: sono moltissime le nigeriane (anche minorenni) vittime della povertà e della crudeltà di aguzzini spietati, che alla criminale legge dell’abuso applicano anche altre, diverse forme di violenza. Così le organizzazione criminali plagiano e schiavizzano le immigrate nigeriane per costringerle a prostituirsi: imponendole crudeltà fisiche e psicologiche che già in precedenti casi hanno indotto molte delle nigeriane schiavizzate a dire: «Le mie connazionali morte in mare? Ora sono più fortunate di noi»…

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ugo lamacchia 9 luglio 2019

    Secondo la nuova legge ideata nei tempi recenti dai giudici per un nigeriano è reato?

  • In evidenza

    contatore di accessi