Bibbiano, l’ira di Angelo Branduardi: “C’è il sadico piacere di stravolgere le vite altrui” (video)

domenica 28 luglio 16:37 - di Giovanni Pasero

Dopo la presa di posizione pubblica di Laura Pausini, Nek e Ornella Vanoni, anche Angelo Branduardi è sceso in campo per i bambini di Bibbiano. Il celebre cantautore lo ha fatto con alcuni post sulla sua pagina ufficiale di Facebook. In uno ha condiviso il testo di una sua canzone, “Uomini di passaggio” con la foto delle scarpette bianche e con alcuni hashtag come “Mai più Bibbiano” e “Giù le mani dai bambini”. Il titolo che campeggia sulla foto è ancora più esplicativo. “Il fantasma della deportazione”.

Il testo recita tra l’altro: «Uomini sconosciuti/non sono stati mai bambini/fumano minacciosi/e non badano alla notte/quelli che non capiscono/le canzoni d’amore». Quei bambini su cui i suoi colleghi artisti (tranne poche eccezioni) hanno finora taciuto. Il post è datato 21 luglio e ha ricevuto centinaia di condivisioni e di like.

Pochi giorni dopo, l’autore di Alla fiera dell’Est de La pulce d’acqua e di altri capolavori della musica popolare italiana, è tornato sull’argomento, non facendo riferimento esplicito, ma citando il precedente storico di un manicomio della metà dell’800 in West Virginia.  «Il sadico piacere di poter disporre delle vite altrui, e di stravolgerle senza rimorso alcuno, sembra un triste rituale della perversione umana già dai tempi più o meno antichi, poi quasi sempre la spinta maggiore è data dalla possibilità di arricchirsi; come dire: unire l’utile al dilettevole…». Branduardi ha postato una tabella con 125 casi di persone internate in manicomio, con le motivazioni più bizzarre. Qualcuno dei lettori ha pensato a Bibbiano? Angelo lo lascia intendere, quando aggiunge: «Molte persone (soprattutto quelle facoltose) hanno usato le leggi della follia per sbarazzarsi dei loro partner e nemici, o per rapire (per poi magari vendere) i loro figli. In Italia evidentemente ci siamo arrivati dopo oltre un secolo…». Il riferimento a Bibbiano, appunto, pare inequivocabile. Il muro di silenzio del mondo dello spettacolo si sta sgretolando. Post dopo post.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Ragazzini 29 luglio 2019

    Ho esercitato la mia professione di medico per breve periodo in provincia di Modena. Il controllo del PCI-PDS-DS-PD sul territorio, è totale e asfissiane.

  • In evidenza

    contatore di accessi