Pisa, partorì mentre era in coma: morta dopo 20 giorni di agonia

sabato 4 maggio 16:23 - di Redazione

È morta due giorni fa, all’ospedale Cisanello di Pisa, Paola Frizzarin, il medico 49enne di Desenzano, in provincia di Brescia, che il 13 aprile scorso, dopo essersi sentita male ed essere finita in coma per una emorragia cerebrale, è riuscita comunque a dare alla luce un bimbo.

Il cesareo d’urgenza all’ospedale di Pisa

La donna era in città per un convegno quando ha iniziato a sentirsi male, accusando un fortissimo mal di testa. Portata d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale pisano, i medici avevano capito subito che era in corso un’emorragia cerebrale e che l’emergenza era doppia perché la 49enne era a poche settimane dal termine della gravidanza. Così sul caso erano intervenuti sia i medici della neurochirurgia sia i dottori della Ginecologia e Ostetricia.

La morte cerebrale dopo 20 giorni di agonia

Il parto cesareo era riuscito e il piccolo, che sta bene, era stato salvato. I medici e i sanitari della terapia intensiva della Neuro-rianimazione dell’ospedale Cisanello hanno fatto di tutto per salvare la vita alla madre, ma le sue condizioni erano apparse subito disperate. Martedì 30 aprile, dopo una ventina di giorni di agonia, i medici non hanno potuto far altro che constatare la morte cerebrale della collega.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi