Successo dell’intelligence italiana: liberato l’imprenditore italiano Favalli, rapito in Nigeria a fine marzo

giovedì 11 aprile 12:02 - di Redazione

Ancora un successo dell’intelligence italiana e finalmente un sospiro di sollievo per i familiari dell’ostaggio: è stato liberato Sergio Favalli, imprenditore 62enne di Moretta, nel cuneese, rapito in Nigeria alla fine dello scorso mese di marzo.

Liberato l’imprenditore italiano Favalli, rapito in Nigeria a fine marzo

Dopo aver riportato in Italia solo qualche giorno fa il connazionale Sergio Zanotti, sequestrato per tre lunghi anni in Siria, l’Aise – a quanto apprende l’AdnKronos – al termine di una tempestiva e intensa attività d’intelligence condotta sul campo, è riuscita a ottenere la liberazione di un altro connazionale: l’imprenditore piemontese per l’appunto. Favalli rientrerà in Italia nella serata accompagnato dagli uomini dell’Aise che lo hanno liberato. Il 62enne si era trasferito in Nigeria come impiegato presso il Ferrero Plot Makero Road a Kaduna, per poi avviare un’autonoma attività imprenditoriale. Del suo rapimento si è appreso solo oggi, proprio nel giorno della sua liberazione grazie all’intervento risolutivo degli uomini dell’Aise. A quanto si apprende, Favalli avrebbe trascorso i suoi giorni di prigionia nelle mani di una banda di criminali locali.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza