Ordinanza spazza-balordi del Viminale: via chi spaccia, fa risse e danneggia

giovedì 11 aprile 2:12 - di Roberto Frulli

Giro di vite del Viminale contro chi spaccia, fa risse, danneggia i beni comuni o fa commercio abusivo.

La strategia del Viminale per riconsegnare al decoro le città italiane parte da una sorta di direttiva anti-balordi che prende le mosse, per iniziare, dalle città di Firenze e Bologna, le cui rispettive Prefetture hanno già dato il via all’ordinanza.

“Partono da Bologna e Firenze le ordinanze antibalordi“, annunciano dal Viminale, spiegando che la prefettura del capoluogo toscano ha già disposto l’allontanamento da alcune aree della città per chi è stato denunciato per spaccio, percosse, rissa, lesioni personali, danneggiamento di beni e commercio abusivo su aree pubbliche.

Una sorta di Daspo urbano in relazione a determinate categorie di reati, quello ideato dal Viminale, per ridare dignità e sicurezza a determinate aree delle città troppo spesso ostaggio di bande di delinquenti.

Un’identica decisione è stata adottata dal prefetto di Bologna.

“Darò direttive affinché simili provvedimenti scattino in tutta Italia. Nessuna tolleranza per degrado e illegalità!”, avverte  il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza