Il marocchino ha ucciso il giovane italiano per odio razziale, ma nessuno lo dice

martedì 2 aprile 16:03 - di Francesco Storace

Un omicidio razzista. Ma non lo scrive nessuno, perché il politicamente corretto impedisce di usare l’espressione giusta per definire quel delitto. Ma è proprio l’odio razziale ad aver armato la mano di Said Mechaout, il marocchino che ha sgozzato Stefano Leo a Torino qualche settimana fa (nella foto sopra).
Il racconto della confessione è orribile. «Ho colpito un bianco, basandomi sul fatto ovvio che giovane e italiano avrebbe fatto scalpore. Mi bastava che fosse italiano, uno giovane, più o meno della mia età, che conoscono tutti quelli con cui va a scuola, si preoccupano tutti i genitori e così via. Non avrebbe fatto altrettanto scalpore. L’ho guardato ed ero sicuro che fosse italiano».

Voleva “fare scalpore”

E’ un verbale che terrorizza, quello del marocchino omicida. Perché bastava essere giovane. Italiano. E apparentemente felice per essere assassinato con una lama ficcata nel collo.
Voleva “fare scalpore”, ha detto l’assassino. Esattamente come un terrorista. Per impaurire tante altre persone rimaste sgomente di fronte ad un delitto così feroce.
Lui, il criminale che ha tolto la vita a Stefano, fa sapere che aveva vissuto un periodo di depressione. Si era sposato molto giovane ed aveva precedenti penali per maltrattamenti in famiglia e persino Enrico Mentana ci era cascato. Era stato lasciato da sua moglie da qualche anno, dopo aver avuto un figlio da lei, italiana.

Se l’assassino fosse stato italiano…

Qualcuno adesso dirà che è semplicemente matto, magari per giustificare una detenzione più breve di quella che merita. Ma ci sono l’omicidio, la premeditazione, la volontarietà, la ferocia nell’esecuzione. Se l’assassino fosse stato italiano e la vittima marocchina, si sarebbe gridato anche alla legge Mancino, al razzismo che è in noi.
Ma non sentiamo grida di dolore da chi imputa l’odio solo e sempre ai nostri connazionali. Proprio a Torino una ragazza africana ha gridato al razzismo in un video per due parolacce e uno spintone in autobus da parte di una italiana. Chissà se il sangue di Stefano Leo la indurrà al ripensamento. Lei e tutti quelli che le sono andati appresso.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Francesco Ciccarelli 2 aprile 2019

    Che sia terrorismo o no, resta di sicuro il fatto che i delinquenti stranieri sono più pericolosi ed efferati dei criminali italiani! Spero che non si ripeta il solito scenario di psicologi e sociologi che cercano micida spiegazioni per attenuare le responsabilità dell’omicida, senza ricordare la vittima dell’omicida! Qualunque pena vigente sarà insufficiente per l’assassino!

  • In evidenza

    contatore di accessi