Colpaccio dei “Canarini” nella fossa viola: il Frosinone a sorpresa stende la Fiorentina

domenica 7 aprile 17:22 - di Domenico Bruni

Colpaccio a sorpresa del Frosinone a Firenze. All’Artemio Franchi, ex stadio Giovanni Berta, i ciociari si impongono per 1-0 sui viola grazie a una rete di Daniel Ciofani, già decisivo contro il Parma, al 39′ della ripresa, quando ormai la partita sembrava avviata a un pareggio a reti inviolate. Anzi, i viola volevano vincere per interrompere il digiuno che dura ormai da quattro mesi.  L’attaccante gialloazzurro, entrato da un quarto d’ora, batte Lafont con un preciso destro da dentro l’area di rigore su assist di Pinamonti. Gol arrivato appena due minuti dopo che i padroni di casa avevano colto un palo con un destro a giro da fuori area di Chiesa. I gigliati, fermi a 39 punti, decimi in classifica e senza vittorie da 7 partite, abbandonano ora ogni speranza di qualificarsi all’Europa League, tramite il campionato, mentre i ciociari, sempre penultimi, salgono a quota 23, incrementando le speranze di salvezza. I tifosi della curva Fiesole hanno sportivamente applaudito i “canarini” ma anche reiterato la richiesta di dimissioni per i Della Valle. Entrambe le tifoserie poi hanno cantato cori in ricordo di Astori. Soddisfazione per Baroni (che è fiorentino) e rimpianto per Pioli: “Abbiamo sbagliato partita. Non è stata sicuramente la nostra giornata. Purtroppo dopo due buone prestazioni non ci si aspettava una gara così al di sotto delle nostre possibilità”. L’allenatore della Fiorentina, Stefano Pioli, commenta così la sconfitta per 1-0 in casa con il Frosinone. “Fino a un mese fa la squadra ha giocato con lo spirito giusto – prosegue Pioli ai microfoni di Sky Sport -. Abbiamo avuto un blackout a Cagliari, poi ci siamo ripresi. Oggi invece ci è mancato un po’ tutto. La prestazione non è stata all’altezza della Fiorentina, dobbiamo subito dimostrare che non siamo la squadra di oggi e prepararci alla prossima gara di campionato, che è ancora lungo, e poi abbiamo ancora la Coppa Italia”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza