Mano dura contro il “pugile dell’Isis” che voleva far saltare il Vaticano: revocata la cittadinanza italiana

venerdì 22 marzo 10:02 - di Marta Lima

Era stato definito “il pugile dell’Isis” perché talentuoso atleta di kickboxing: ora il Viminale, alla luce del Decreto Sicurezza, ha proposto la revoca della cittadinanza italiana. È la prima volta. L’ultima parola spetta al Capo dello Stato. Lo riferiscono fonti del Viminale. È il caso di Abderrahim Moutaharrik, nato in Marocco il 23 giugno 1988 e diventato cittadino italiano nell’aprile del 2015. Residente nel Lecchese, due figli, una moglie marocchina, è stato condannato per terrorismo. Nelle intercettazioni parlava anche di un possibile attentato in Vaticano. È stata condannata anche la moglie, che però si era vista respingere la domanda di cittadinanza. Il Viminale propone di revocare lo status dell’uomo, già cittadino marocchino. Il caso è stato analizzato da questura e prefettura di Lecco. Abderrahim Moutaharrik era stato condannato a 6 anni con l’accosa di terrorismo internazionale, e il suo coimputato Abderrahmane Khachia (fratello di un giovane martire morto in Siria) “erano fortemente determinati a porre in essere attentati terroristici, uccidendo gli occidentali”, scriveva nel suo provvedimento la gup di Milano Alessandra Simion nelle motivazioni della sentenza del 14 febbraio scorso.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza