«Lega e 5S ci snobbano». Il pianto greco di Formigli scatena il web: «Bravi, era ora»

venerdì 15 marzo 15:17 - di Fortunata Cerri

«Né esponenti della Lega, né esponenti dei Cinque Stelle hanno accettato i nostri inviti a partecipare». Corrado Formigli in apertura di Piazzapulita si lamenta, cerca la solidarietà del pubblico e dei telespettatori. 5S e Lega hanno snobbato al sua trasmissione che, ieri sera, aveva come tema l’inchiesta sulle torture nelle carceri dei migranti in Libia, con nuovi sviluppi e aggiornamenti. A rifiutare il confronto è stato anche il premier Giuseppe Conte: «Abbiamo chiesto un commento al Presidente del Consiglio che non ha accettato la nostra richiesta». Per una sera, quindi, niente processi mediatici. E niente boom d’ascolti. Alla fine Formigli se l’è quindi cantata e suonata da solo con il fondatore di Emergency Gino Strada e il direttore di Limes Lucio Caracciolo.

Il web attacca Formigli

E gli è andata anche peggio sui social. Tantissimi i commenti al vetriolo. Scrive un utente su Facebook: «Ottimo… fai la trasmissione da solo e con chi ti segue… a vostra immagine e somiglianza. Spero facciano così anche con altre trasmissioni. Siete una vergogna per la democrazia e la libertà di espressione». Un altro aggiunge: «Hanno fatto benissimo e spero che siano sempre più quelli come me che non vi guardano più. Siete la feccia dell’informazione faziosa». Per un altro «era ora. Lega e 5 Stelle non devono andare neppure da Floris, dalla Gruber, dalla Panella, dalla Merlino». E ancora: «Si saranno stufati di essere derisi e interrotti continuamente. Invita i tuoi amici e datevi ragione a vicenda». E infine scrive un altro utente: «Hanno fatto bene… Non sei in grado di sostenere un’intervista decente, quindi perché dovrebbero venire? Per farsi prendere per i fondelli da te? Continua a chiamare chi te pare tra i pagliacci che ci sono in giro. Noi siamo altro».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi