In Italia pullulano le imitazioni della Greta svedese. L’ironia di Fusaro: sono come tante pecore…

venerdì 15 marzo 12:13 - di Redazione

Era inevitabile che Greta Thunberg facesse scuola. È attorno a lei che oggi si sono mobilitati gli studenti di oltre duecento città italiane dando voce al movimento Friday For Future per dire stop ai cambiamenti climatici. È la nuova grande onda che sembra sostituire le marce pacifiste di un tempo ormai tramontato. Logico che i media italiani si affannino alla ricerca delle Greta italiane. Il Corriere la individua in Miriam Martinelli, 16 anni, iscritta a un istituto agrario in provincia di Milano. Anche lei il venerdì invece di andare a scuola va a scioperare per il clima in piazza della Scala. Anche lei usa solo mezzi pubblici. È un’animalista consapevole e si sta sforzando di diventare vegana. In futuro immagina che arriveranno siccità, carestie e deserti. Da grande vuole entrare in politica.

Se Miriam fa troppe assenze, però, rischia di perdere l’anno. E sulle assenze è già in atto un braccio di ferro tra i presidi e il  . I primi sostengono che chi oggi aderisce al Friday For Future non va considerato assente, Bussetti sostiene il contrario. La risposta di Miriam è esemplare: “Non mi interessa andare a scuola quando il pianeta muore…”.

La piccola Greta italiana scovata da Repubblica è ancora più piccola: ha solo 9 anni, si chiama Alice Imbastari e frequenta le elementari a Nettuno. È la prescelta per aprire dal palco a Roma la manifestazione sul clima. Se le chiedeno: “Qual è la minaccia più grande per la terra?” Alice risponde:”La plastica e le fabbriche”. Ma a quell’età una bambina non dovrebbe anche giocare un po’?

Sugli studenti oggi in piazza per non morire di clima si abbatte intanto l’ironia del filosofo Diego Fusaro: “Precari e supersfruttati, umiliati e senza possibilità di farsi una famiglia, schiavi del capitale e del padronato cosmopolitico. Ma loro scendono belanti in piazza per il clima. L’apice della subalternità dei giovani. Il capolavoro del potere tecnocapitalistico”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza