Il Pd di Zingaretti porta alla patrimoniale (e alla fine del governo). Ecco perché

lunedì 4 marzo 12:37 - di Lando Chiarini

La tentazione è forte, quasi irresistibile: smontare i gazebo uno per uno e derubricare le primarie che hanno incoronato Zingaretti a bella rimpatriata tra vecchi compagni. E in parte lo è stata: si è rivisto il girotondino Nanni Moretti, quello di «con questi dirigenti non vinceremo mai»; ha votato la consorte di Massimo D’Alema, il più importante dei dirigenti sfanculati dal regista di cui sopra, e anche Sabrina Ferilli, forse delusa dalle performance del M5S, ha voluto apporre il proprio timbro al certificato di esistenza in vita del Pd. Tentazione forte, si diceva: pur tuttavia bisogna resistere. Non solo e non tanto perché in fila per votare c’era un milione e mezzo di persone, ma perché molti indizi autorizzano a ritenere che la rimpatriata avrà effetti non solo a sinistra, ma anche sull’intero quadro politico, non esclusa la maggioranza di governo.

Nella sua essenza, la vittoria di Zingaretti è la sconfitta di Renzi. Quanto questi aveva tentato di aggiornare l’identità del Pd, tanto più il vincitore di ieri punterà a ricollocarla nel suo alveo tradizionale. Sul punto c’è persino chi scommette che Renzi non tarderà molto ad accomiatarsi dal suo partito per fondarne un altro a propria immagine e somiglianza. Ma il tema non è all’ordine del giorno. Ora c’è da incollare i cocci della sinistra. E quale mastice più portentoso da quelle parti dell’immarcescibile “tassa e spendi”? Anzi, è ideale non solo per allargare la rimpatriata ai compagni nel frattempo fuoriusciti, ma anche per sconfinare nel terreno finora ritenuto di caccia esclusiva del M5S: il reddito di cittadinanza.

Un Pd all’opposizione e ormai derenzizzato non avrebbe alcuna remora a farne il piede di porco con cui provare a scardinare l’alleanza giallo-verde. Come? Intestandosi, ad esempio, la proposta di estendere la platea degli aventi diritto finanziando il sovrappiù con una ben assestata batosta patrimoniale che sa tanto di lotta di classe e di esproprio proletario. Mai, del resto, Zingaretti ha criticato la misura in sé, ma solo il fatto che fosse finanziata in deficit. Dovesse accadere, è di tutta evidenza che la soluzione della stangata travestita da lotta alla povertà finirebbe per mettere in imbarazzo i Cinquestelle e farebbe scattare l’allarme rosso nella Lega. Il pericolo lo ha già fiutato Beppe Grillo: le sue critiche simil-leghiste alla manifestazione pro-immigrati dell’altro ieri a Milano sono un primo indizio del tentativo del M5S di sfuggire al derby con il “nuovo” Pd. Al terzo, ne avremo la prova.  

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi