Il figlio di Conti, ucciso dalle Br: per loro sempre la stagione dei saldi di pena

venerdì 15 marzo 14:28 - di Redazione
IL_BR_SIMONE_BOCCACCINI_E_LA_SUA_VITTIMA_LANDO_CONTI

«Per loro? C’è sempre la stagione dei saldi. Ad un certo punto dell’anno per i terroristi si apre la stagione dei saldi di pena. E’ ridicolo tutto questo ed è il segno, purtroppo, che in Italia la giustizia non esiste». Lorenzo Conti, figlio dell’ex-sindaco di Firenze Lando, assassinato da un commando delle Brigate Rosse il 10 febbraio 1986, commenta così la richiesta di sconto di pena avanzata dal terrorista Simone Boccaccini, condannato a 21 anni di carcere per concorso nell’omicidio del giuslavorista Marco Biagi, assassinato il 19 marzo 2002.

«Sarebbe l’ora che i magistrati iniziassero a fare i magistrati, i giudici applicassero la legge e non interpretassero la legge – sostiene Lorenzo Conti – Serve la certezza della pena, con la pena da scontare in carcere in base a quanto stabilito, fino all’ultimo giorno».

«Che senso ha, ad esempio – si interroga il figlio dell’ex-sindaco di Firenze assassinato dalle Br – condannare un terrorista a quattro ergastoli se poi dopo nemmeno 20 anni è in libertà? Tutti questi sconti sono una mancanza di rispetto per le vittime, che non possono più parlare, e per i loro familiari. Sembra che in Italia la giustizia prenda le difese dell’aggressore, non si parte cioè dalla tutela della vittima e dei suoi congiunti. E’ un problema politico serio, molto serio, che va affrontato».

Esponente del Partito Repubblicano e sindaco di Firenze, Lando Conti stava andando al consiglio comunale a bordo della sua auto, quando fu ammazzato con undici colpi di pistola da un commando Br che lasciò un volantino di rivendicazione firmato “Brigate Rosse – Partito Comunista Combattente“, la stessa sigla utilizzata per attribuirsi la paternità degli omicidi Ruffili, Tarantelli, D’Antona, Biagi e per la strage di Prati di Papa, dove 9 terroristi uccisero gli agenti Rolando Lanari e Giuseppe Scraviglieri e ferirono il collega Pasquale Parente per rapinare 1 miliardo e 150 milioni di vecchie lire custoditi a bordo del furgone postale che la pattuglia stava scortando.
Conti e Tarantelli furono uccisi con la stessa identica arma.

Il brigatista Simone Boccaccini è stato condannato a cinque anni e otto mesi per l’omicidio D’Antona, pena confermata in Cassazione, e a 21 anni di carcere per l’omicidio di Marco Biagi in terzo grado. Quando fu fermato, nel 2003, si dichiarò militante rivoluzionario per il partito comunista combattente

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza