Paura per Wanda Nara: sassi contro l’auto mentre porta i bambini a scuola. Inter-Icardi, tensione alle stelle

sabato 16 febbraio 12:56 - di Martino Della Costa

La corda è tesa, tra i tifosi dell’Inter è la famiglia Icardi: e la tensione si trasforma in violenza e diventa paura: un sasso colpisce il finestrino dell’automobile di Wanda Nara mentre la moglie del bomber nero-azzurro, oltre che sua procuratrice, sta accompagnando i figli a scuola

Una sassata contro l’auto di Wanda Nara

La vicenda Icardi sta mettendo a dura prova un po’ tutti: a partire dalla dirigenza calcistica, passando per le tifoserie interiste, fino – ovviamente – ai protagonisti argentini in prima linea, Mauro Icardi e Wanda Nera. E non a caso, allora, riporta Sky Sport ripreso subito dalla Gazzetta dello sport e dal Corriere dello sport, «un sasso ha colpito la sua auto mentre era in macchina con i figli e la modella ha già presentato denuncia alle forze dell’ordine». Attimi di panico e di terrore, quelli vissuti poco fa dalla moglie dell’attaccante dell’Inter, al centro delle polemiche – a additati dai tifosi come responsabile dei malumori che si starebbero covando tra gli spalti come nella società nerazzurra. Fortunatamente nessuna conseguenza: nessun ferito, ma tanto paura e, soprattutto, un gesto inaccettabile che testimonia e aumenta la tensione su quello che ormai è diventato il “caso Icardi”. Un caso che, con la sassata di stamattina, dimostra ulteriormente come la tensione sia alle stelle, con i tifosi nero-azzurri in preda a un pesante risentimento per la bionda e avvenente procuratrice del giocatore, e già appesantito dagli episodi che hanno caratterizzato la trasferta di Europa League contro il Rapid Vienna.

Il caso Icardi minuto per minuto

E allora, in ordine di successione e di risonanza mediatica, prima c’è stata la decisione, decisamente indigesta, di degradare Icardi, retrocedendo il bomber di Rosario dal ruolo di capitano, e con la fascia assegnata ad Handanovic. Poi, la mancata partenza per la gara in Austria, e la situazione che degenera definitivamente con i messaggi di insulti assai poco “social”, rivolti a Wanda Nara su Twitter, Facebook e Instagram. Ammutinamento prima del match di Europa League, post al vetriolo sui social e poi quell’infiammazione al ginocchio che hanno mandato in tilt molti supporter dell’Inter. Infine, l’aggressione di questa mattina, che potrebbe essere solo l’ultimo atto. Un atto vile, contro il quale Wanda Nara ha sporto denuncia. Nel frattempo, mentre resta da capire come evolveranno i rapporti con la società, la squadra e i tifosi – e forse domani sarà proprio lei, Wanda Nara, ospite in tv di Tiki Taka, a fare e rivelare a favore di telecamera la prossima mossa – Icardi torna a farsi sentire con un post su Instagram con cui l’attaccante interista di affida a una frase di Mark Twain per dire la sua. Una frase pubblicata online al termine della sfida di Europa League vinta 1-0 dai nerazzurri contro il Rapid Vienna, (trasferta che, come ricordato poco sopra, ha visto l’argentino rifiutare la convocazione dopo che il club gli aveva tolto la fascia di capitano): «È meglio tenere la bocca chiusa e apparire stupidi che aprirla e fugare ogni dubbio»…

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza