La Sapienza prima al mondo per gli Studi classici. La classifica delle migliori università

mercoledì 27 febbraio 11:52 - di Paolo Sturaro

La Sapienza conquista il trono. E migliorano la performance delle Università italiane nel QS World University Rankings by Subject 2019, la classifica universitaria mondiale per facoltà-disciplina: l’Italia è al 4° posto in Europa  (dopo Regno Unito, Germania, Francia) e al 7° posto nel mondo per numero totale di università incluse nella classifica di quest’anno.

La Sapienza, la Bocconi, il Politecnico:
tutte le posizioni in classifica

La Sapienza di Roma è la prima università al mondo per gli Studi classici e la Storia antica. Ma anche la Bocconi e il Politecnico di Milano non sono da meno. L’analisi prende in esame più di 1.200 università in 48 discipline e 5 aree di studi. E così, se la Sapienza non ha eguali in Studi classici e Storia antica, piazzandosi davanti alle Università di Oxford, Cambridge, Harvard e Yale, la Bocconi risulta ottava per Business e Management, sedicesima per Economia e diciottesima per Finanza e Contabilità. Tra le migliori università c’è poi il Politecnico di Milano che si piazza tra le migliori dieci al mondo in tre discipline: Ingegneria civile, Ingegneria meccanica e aeronautica e Design. In totale sono 41 le università italiane che sono in graduatoria. Il Politecnico di Torino entra per la prima volta nella classifica di Ingegneria Mineraria, posizionandosi al 24° posto. Altri debutti eccellenti sono quello dell’Università di Bologna in Odontoiatria (44° posto) e dell’Università di Pisa in Scienze Bibliotecarie (50° posto). L’Italia, rispetto allo scorso anno, ha incrementato la propria presenza in tutte le classifiche, sia tra le top 50 (erano 29 ora sono 34), sia tra le top 100 (erano 83 atenei ora sono 98) sia infine tra le top 200 (erano 213 ora sono 236).

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza