La mamma di Renzi rinviata a giudizio per il crac della Direkta. A processo il 19 giugno

giovedì 28 febbraio 14:06 - di Redazione

Laura Bovoli, mamma di Matteo Renzi, è stata rinviata a giudizio dal gup del tribunale di Cuneo. Il processo è stato fissato per il prossimo 19 giugno. È accusata di aver avuto una parte nel crac della Direkta Srl società di Cuneo che si occupava di servizi per il volantinaggio, avvenuto nel 2014. L’udienza si è svolta oggi, in tribunale a Cuneo. Si tratta di un altro filone d’inchiesta, diverso da quello che vede i genitori dell’ex premier sotto accusa da parte della Procura di Firenze per un giro di false fatture. Dall’indagine della Guardia di Finanza era emerso che la Direkta avrebbe, fra il resto, approfittato di fatture false per far quadrare i conti del bilancio. Tra i rapporti commerciali che intratteneva l’amministratore Mirko Provenzano è risultato che ci fosse anche quello con la Eventi6, società di Rignano sull’Arno (Firenze) tra i cui amministratori c’era Laura Bovoli.

Il rinvio a giudizio, secondo il legale dei genitori di Renzi, Federico Bagattini, era “ampiamente previsto, ci difenderemo al dibattimento”. La signora Bovoli è chiamata a rispondere di concorso in bancarotta documentale. Con lei sono stati rinviati a giudizio altri due imputati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *