A Cuneo la partita della vergogna termina 20 a 0 (video): il calcio italiano scivola nel ridicolo

domenica 17 febbraio 19:22 - di Marta Lima
Venti a zero, in un campionato professionistico: una farsa andata in scena in Piemonte, dove allo stadio Paschiero di Cuneo il Pro Piacenza, a causa di problemi societari, si è presentato in campo con soli 7 uomini (tutti giovanissimi e con un dirigente a fare il difensore) contro la locale squadra: dopo 45 minuti di attesa il match è iniziato e il Cuneo dopo 25 minti era già 10 a 0, poi il bottino è stato raddoppiato fino al novantesimo, in quello che è un risultato senza precedenti una partita di Serie C. Un colpo durissimo all’immagine del calcio italiano e ai principi sani dello sport e della giusta competizione.
Indignato il commento del presidente della Figc Gravina, che peraltro arriva proprio dalla direzione di quei campionati minori: “Quanto accaduto a Cuneo con la squadra del Pro Piacenza è un insulto allo sport e ai suoi principi fondanti. In questa situazione surreale, la Figc aveva il dovere di far rispettare tutte le regole ed ha esercitato questo ruolo -sottolinea il numero uno di via Allegri-. La nostra responsabilità è quella di tutelare la passione dei tifosi, gli imprenditori sani e la credibilità dei nostri campionati: quella cui abbiamo assistito, nostro malgrado, sarà comunque l’ultima farsa”.
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *