Pisa, bimba morta. Chiesta l’archiviazione per il padre che la dimenticò in auto

venerdì 28 Dicembre 13:04 - di Eugenio Battisti

La Procura di Pisa ha chiesto l’archiviazione per Daniele Carli, l’uomo che il 18 maggio scorso, a San Piero a Grado (Pisa) dimenticò in auto sotto il sole, nel parcheggio davanti all’azienda dove lavora come ingegnere, la figlia di un anno, Giorgia. La bambina morì per il caldo e la mancanza di ossigeno. Ne dà notizia oggi il quotidiano Il Tirreno. Il pm Giancarlo Dominijanni ha già trasmesso la richiesta all’ufficio del gip del tribunale di Pisa.

Secondo quanto riportato dal quotidiano, le consulenze di accusa e difesa concordano sull’assenza di comportamenti colposi da parte del padre, 44 anni. Alessandro Meluzzi, consulente della Procura, aveva escluso la causa di punibilità per l’ingegnere: quel giorno il padre della piccola sarebbe stato colpito da un’amnesia dissociativa transitoria, ovvero un improvviso black out che gli ha fatto dimenticare Giorgia in auto mentre avrebbe dovuto accompagnarla al nido perché la mamma era rimasta a casa con l’altra figlia che stava poco bene. Alle stesse conclusioni sono arrivati i consulenti della difesa.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica