La Boldrini straparla sul governo: «I leoni sono diventati pecorelle»

venerdì 14 dicembre 14:06 - di Augusta Cesari

Quando si tratta di dileggiare, Laura Boldrini c’è sempre. Sempre in prima fila e non solo contro il governo gialloverde che sappiamo essere la sua ossessione, ma anche contro l’Italia tutta. La Boldrini infatti parla come la Merkel, come Moscovici, come Juncker, che ci prendono a legnate un giorno sì e l’altro pure. L’ex presidente della Camera approfittando dell’accordo dell’esecutivo trovato con l’Europa, torna a infierire come una nemica e piomba come un’Erinni: «Ve li ricordate i leoni del me ne frego quando esultavano dal balcone di Palazzo Chigi? Ecco, adesso fanno le pecorelle, che pregano Junker di non avviare procedura di infrazione contro l’Italia. Nel frattempo, però, sono stati bruciati miliardi di euro. E gli italiani pagano».

Boldrini imbarazzante

Francamente imbarazzante. La Boldrini persegue l’insulto libero, dà libero sfogo alle sue frustrazioni inserendosi  nelle pieghe di un braccio di ferro delicato che il governo ha ingaggiato con l’Europa per manterenre fede agli impegni presi con chi lo ha votato soprattutto in tema pensionistico e sul reddito di cittadinanza. Che piacciano meno i due i fronti, i fatti dicono  che sono già state ridotte le risorse. Farci sopra dell’ironia è puerile, per non dire penoso…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Franco Prestifilippo 15 dicembre 2018

    Parla ancora? Non ha ancora capito che non la calcola nessuno? Nemmeno quelli del suo pseudo partito!

  • Edoardo Serata 15 dicembre 2018

    il commento della sig,ra Boldrini abituata a parlare male degli italiani ( quelli che non la pensano come lei sono fascist) fa schifo. Sarebbe opportuno ignorarla!!!!!!i

  • Aurora De palma 15 dicembre 2018

    I leoni rimango tali sempre. A volte cara signora si è più forti facendo un passo di lato che andare a rompersi le ” corna” con un atteggiamento intransigente. Dico più semplicemente si è più intelligenti. E poi ,fare il
    menagramo nn le si addice e nn credo le farebbe piacere dover vivere con una sciarpetta di seta, in meno, al collo. Quindi sia disponibile una mossa e nn inveisca ancora contro il governo

  • Filippo ARPAIA 15 dicembre 2018

    Meglio pecorelle che traditori della Patria

  • Giuseppe Tolu 15 dicembre 2018

    Ti conviene star zitta pecorella, smarrita

  • BenFrank 15 dicembre 2018

    Emmenomale, però, che le scrofe e le capre sempre scrofe e capre restano!

  • Andrea 14 dicembre 2018

    Per fortuna ormai questa la conoscono quasi tutti quindi ogni cosa che dice gli si ritorce puntualmente addosso, non è nemmeno in grado di capire che sarebbe meglio tacesse, e poi come influenza politica ha la stessa dello zero quando stà a sinistra del numero.

  • In evidenza

    contatore di accessi