Clochard ucciso a pugni e bastonate a Palermo: fermato un 16enne rom (video)

giovedì 20 Dicembre 9:17 - di Paolo Sturaro

Svolta nelle indagini dell’omicidio  di Aldo (Aid Abdallah), il clochard di origini francesi trovato senza vita nei giorni scorsi sotto i portici di piazzale  Ungheria, a Palermo. Nella notte i carabinieri hanno fermato un 16enne   romeno, ritenuto il possibile autore dell’omicidio del senzatetto, preso a pugni e bastonate. «Le indagini – spiegano gli investigatori – hanno consentito   di acquisire gravi indizi di colpevolezza nei confronti del ragazzino». Il fermato è stato accompagnato al Centro di prima accoglienza di Palermo.  Fondamentali sono state le registrazioni delle telecamere di banche e negozi, che hanno ripreso le sagome degli aggressori. Oltre al sedicenne, i riflettori sono puntati anche su un altro minore, di quattro anni più piccolo, un giovanissimo rom.

L’agghiacciante aggressione al clochard

Aldo, il clochard, era molto amato dai residenti e dai commercianti. Aveva 56 anni ed era un pittore di origini francesi. Ogni mattina c’era chi gli portava cornetti e latte caldo per colazione e c’era chi gli portava coperte per affrontare la notte. E invece ha dovuto affrontare una violenza cieca, inaspettata. È stato ritrovato sul  marciapiede, senza vita e in un lago di sangue, con la faccia ridotta a una maschera e ferite profonde. I due minorenni rom, invece, erano noti nel centro di Palermo, vagavano spesso nelle aree pedonali, chiedevano l’elemosina e prendevano di mira i più deboli del quartiere.

Il dolore dei palermitani (video)

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )