Napoli, si scrive bidello, si legge orco: abusava di un bimbo nel bagno della scuola

venerdì 16 novembre 13:01 - di Redazione

La paura, l’imbarazzo, la reticenza a raccontare quello che deve aver fatto molta fatica a capire e decodificare in tutto il suo orrore: fatto sta che oggi, dopo un lungo e accurato lavoro d’indagine, l’orco è stato individuato e neutralizzato: è un collaboratore scolastico, ritenuto responsabile di una violenza sessuale su un minorenne, e per questo arrestato stamattina dai carabinieri a Qualiano (Napoli). La paura, allora, potrà cominciare a passare; ma i segni psicologici degli abusi inferti su una giovanissima vittima resteranno ancora a lungo…

Abusava di un bimbo nel bagno della scuola

Dunque, il sospetto – un collaboratore scolastico, ritenuto responsabile di una violenza sessuale su un minorenne – è stato stanato e arrestato dai carabinieri a Qualiano (Napoli). Questa mattina, dopo indagini coordinate dalla procura di Napoli Nord, i carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal gip presso il Tribunale di Napoli Nord nei confronti di un 63enne di Qualiano, ritenuto responsabile di abusi sessuali nei confronti del minore. Il provvedimento restrittivo ha avuto origine da una complessa attività d’indagine partita dopo la denuncia presentata ai carabinieri di Qualiano dalla madre del minorenne: alla donna il figlio aveva raccontato che, in più occasioni, recandosi in bagno era stato «toccato» dall’uomo, un bidello della scuola elementare…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica