Macron fa il furbetto e scarica di nascosto migranti in Italia

lunedì 15 ottobre 14:41 - di Carmine Crocco

Macron fa il furbetto e ci spedisce furtivamente i suoi clandestini. Un furgone della gendarmeria francese è stato infatti avvistato, venerdì, dalla polizia italiana a Claviere, in provincia di Torino, mentre faceva scendere in una zona boschiva due uomini, presumibilmente migranti di origine africana. È quanto si apprende  de fonti del Viminale. L’automezzo se n’è  tornato a casa alla chetichella, ma la targa è stata annotata. “Non voglio credere che la Francia di Macron utilizzi la propria polizia per scaricare di nascosto gli immigrati in Italia”, commenta il ministro dell’Interno Matteo Salvini precisando di essere “in attesa di sviluppi”.

Il vicepremier avverte: “Se qualcuno pensa davvero di usarci come il campo profughi d’Europa, violando leggi, confini e accordi, si sbaglia di grosso. Siamo pronti a difendere l’onore e la dignità del nostro Paese in ogni sede e a tutti i livelli – assicura -. Pretendiamo chiarezza, soprattutto da chi – sottolinea – ci fa la predica ogni giorno, e non guarderemo in faccia a nessuno!”. Salvini invita quindi “il collega Moavero a chiedere chiarimenti all’ambasciatore” francese. Vale la pena avvertire che la zona di Claviere è controllata dalle autorità italiane perché occupata da alcuni estremisti di sinistra e anarchici. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • antonio 16 ottobre 2018

    bambino viziato senza cervello ….come tutti i francesi alla fine …

  • paolo mario Pieraccini 16 ottobre 2018

    Perchè non ricambiamo la cortesia al cagnolino della signora Merkel? Perchè Salvini tace?

  • Giacomo Puliatti 16 ottobre 2018

    Siamo alle soilite! ecco un’altra malfamata azione fatta in casa nostra ed è la seconda volta che questi pezzenti ci beffeggiano credendo di renderci ridicoli agli occhi del mondo. Ormai, chiunque si può permettere di prenderci per i fondelli, ma spero che il nostro Governo si faccia carico delle adeguate risposte. Basta buonismo, cominciamo a chiudere i rubinetti dell’abbondanza di generosità, il mondo non lo merita!!! avevo detto tempo addietro di volgere lo sguardo ai popoli orientali. Russia e Cina ci apriranno sicuramente i loro mercati e ci daranno modo di riscatarci. Fate tesoro di questo mio pensiero!!!!

    • Giacomo Puliatti 16 ottobre 2018

      scusate, dovevo scrivere ” riscattarci”.

  • Attila 16 ottobre 2018

    Le mancanze di rispetto dei francesi sono note, MA LE PALLE DOVE LE AVETE MESSE ?!? Quando entrano in ITALIA vanno fermati, anche a mitragliate !

  • RICCARDO AMARA 16 ottobre 2018

    Siamo troppo tolleranti e loro ne approfittano.
    In casa nostra dobbiamo comandare noi …

  • stefano 16 ottobre 2018

    V O M I T E V O L E ma quando l’asciamo questa europa franco-tedesca? (a primavera)

  • Francesco Desalvo 16 ottobre 2018

    La sola contromisura efficace è di mandare di sorpresa un paio di nostri “commandos” a distruggere tutti i gommoni ed altri piccoli battelli dalla Libia fino al Marocco, così come Macron ha mandato di sorpresa un “commando”a portarci questi immigrati. Se ben ricordo ad un certo punto lo avevamo fatto in Albania, e tutti zitti. E poi i droni per sorvegliare che non ne compaiano altri.
    Perché, a barconi distrutti, che ci fanno? Ci mandano i caschi blu come in Libano’ ? Ci riportiamo a casa i nostri caschi blu che stanno là. Ci fanno le sanzioni come alla Russia ?, che ci sta convivendo benissimo? E che, a parità di nazione sanzionate, potremmo riprendere le nostre esportazioni con la Russia?

  • alberto 16 ottobre 2018

    Purtroppo le “armi” che abbiamo per controbattere Macron, sono solo “micron” (Brunetta) e “minchion” (Renzi) !

  • federico barbarossa 16 ottobre 2018

    In Polonia la polizia di frontiera FUNZIONA e molto bene.

  • Alberto Lazzari 16 ottobre 2018

    La Polizia italiana li ha visti e perché non li ha fermati?

  • Carlo Cervini 16 ottobre 2018

    Tutto normale, ma bisognerebbe condannare all’esilio perpetuo chi ha sottoscritto degli accordi capestro a danno dell’Italia; invece, come al solito, non pagherà nessun politico, ma il solito pantalone.
    Francia e Germania hanno ridotto l’Italia ad essere una loro colonia, siamo diventati l’Abissinia della UE e della BCE………………Complimenti e figli maschi!

  • Lisetta Serra 16 ottobre 2018

    Bisogna fermare e iniziare a controllare alla frontiera tutti i furgoni della polizia francese. Bisogna protestare in maniera decisa a Bruxelles. Non esiste più l’Europa. Bisogn denunciare chi illegalmente utilizza il nostro paese Per i propri sporchi interessi

  • 15 ottobre 2018

    Militari Italiani alla frontiera e la unica soluzione…armati e pronti per qualunque situazione..El escargot deve capire che Italia non scherza.

  • Caesar 15 ottobre 2018

    La Francia deve imparare a rispettarci, cosa che non ha fatto finora.
    Deve capire che le cose sono cambiate e che finalmente “l’Italia s’è desta”!
    Alla faccia anche di tanti sinistri antipatrioti e pro immigrazione selvaggia

  • Pino1° 15 ottobre 2018

    La colpa di queste azioni è tutta nostra ! Videosorveglianza all’ex frontiere e tracciamento non incidono con il diritto di circolazione delle merci. Un bel fermo della ‘Stradale’ Italiana con l’identificazione della ‘gendarmerie’ negli agenti da denunciare per immigrazione clandestina e rilasciare dopo un paio di giorni di fermo, metterebbe fine a testa alta. Finche non saremo su quella linea… solo fuffa !

  • Guido955 15 ottobre 2018

    Che sia successa una cosa del genere non mi sconvolge, anni di sudditanza della politica sinistrorsa hanno creato i presupposti per questo e chissà cosa d’altro. Mi lascia perplesso però che nostri agenti abbiano documentato e non siano intervenuti. Quali sono le direttive? Non creare problemi a chi crede di poter fare il proprio comodo in terra altrui? Mi aspetto che si faccia luce quanto prima. E ricordiamoci che questa mancata interruzione della mascalzonata francese fa il paio con la guardia costiera (Diciotti), Siamo certi che ai livelli alti le direttive si siano uniformate al nuovo governo o qualcuno continua a sabotare sapendo di restare impunito?

  • Laura Prosperini 15 ottobre 2018

    si può far presente, con tanto di foto e documenti, l’agire della Francia in sede euro-pea???
    affinchè si smascherino, una volta per tutte, le vere intensioni delle nazioni finte globaliste che tentano di egemonizzare, in sprezzo ad ogni regola, il resto delle nazioni (quelle considerate di serie b o c)???
    Credo sia sufficiente per far fare una enorme figuraccia alla francia dei rotschild/micron

  • In evidenza

    contatore di accessi