Via la cittadinanza a Mussolini, pioggia di critiche sul comune di Santa Paolina

domenica 23 settembre 18:18 - di Redazione
mussolini bergamo

La revoca della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini, approvata all’unanimità nel consiglio comunale di Santa Paolina (Avellino), scatena il dibattito nella piazza virtuale e non solo dei social network. Lo riferisce Il Mattino, riportando le critiche alla decisione consiliare da parte di Ettore de Conciliis e di altri esponenti della destra campana. Quest’ultimo aveva ironizzato, sui social, a proposito della scelta del Comune: “Esempio concreto della attenzione e della sensibilità che alcuni amministratori mettono in campo, con ragguardevole ed encomiabile solerzia, rispetto alle grandi esigenze della modernità, le sfide del progresso e gli affanni della crisi economica. Sono sicuro che i cittadini di Santa Paolina da oggi possano guardare al loro futuro con il convincimento sereno di avere un ceto politico e una classe dirigente locale che affronterà e risolverà tempestivamente ogni loro problema. Immagino anche che a migliaia decideranno di trasferirsi a Santa Paolina, città da oggi attrattiva di cultura, investimenti, protagonismo geopolitico”.

A quelle di De Conciliis si sono aggiunte le critiche di Franco D’Ercole che in un post su Facebook afferma: «La storia non si cancella con una delibera. Astenendomi da qualsiasi giudizio sul personaggio, ritengo che l’atto con cui il comune di Santa Paolina conferiva la cittadinanza onoraria a Mussolini appartiene alla storia di quel paese e non sarà certo una delibera di consiglio comunale adottata 96 anni dopo a cancellarne gli effetti. La vita di un paese, grande o piccolo che sia, si sviluppa nel contesto temporale in cui i fatti si svolgono e nessun atto successivo può modificarne il corso».

Il segretario cittadino di Avellino della Lega, Aniello Govetosa, accusa: «È incredibile ciò che ci si inventa, pur di apparire, evidentemente sommersi nel limbo amministrativo più totale. Mi riservo di verificarlo, ma ho qualche dubbio che si possa adottare un provvedimento di revoca della cittadinanza ad un defunto, se è vero che la cittadinanza è uno status che cessa con la morte del titolare. Evidentemente al contrario della loro parte politica, ritengono Mussolini più che vivo in questo particolare momento storico. Ignorano che il ricordo, il pensiero, le idee non possono essere revocate».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuliano 24 settembre 2018

    Vale sempre il detto : la madre dei pirla e sempre incinta

    • Luciano Vignati 25 settembre 2018

      E non solo, il comunista è la classica persona che ha portato il cervello all’ammasso e vuole avere ragione a tutti i costi perché così gli hanno ordinato. Non credo che la decisione sia nata nella testa del sindaco, perché fra le altre cose, il comunista classico è anche una ameba acefala.

  • Gianni 24 settembre 2018

    IL SINDACO SI DEVE INVENTARE QUALCOSA , FORSE E” RIMASTO COMUNISTA , ? NON SA CHE LUI GIOIA SULLE COSE CHE HA FATTO MUSSOLINI?

  • Rodolfo Ballardini 24 settembre 2018

    Stupidi all’ennesima potenza. Evidentemente hanno paura dei defunti.

  • massimo borri 24 settembre 2018

    stiamo toccando il fondo……………when the schit hit the fan……………………..

  • Anna Baraldi 24 settembre 2018

    I soliti sinis****** in cerca di visibilità e plauso, in realtà sono solo ignoranti e pensano che cancellando la cittadinanza a Mussolini possano anche cancellare un periodo storico del nostro Paese! A questo punto si dovrebbero cancellare anche tutte quelle vie, viali ecc. intitolate a Togliatti, Lenin !! Questi che hanno tanta paura del fascismo, dovrebbero avere ALTRETTANTA PAURA DEL COMUNISMO, SEMPRE DITTATURA È, E FORSE DELLE PEGGIORI!!

  • Francy 24 settembre 2018

    Certo è che se una giunta perde il suo tempo a cancellare la storia del nostro passato non è degno di governare visti i tanti problemi di cui dovrevbbe e farebbe meglio ad interessarsi

  • Attila 24 settembre 2018

    Vigliacchi, a maggior ragione dall’opportunismo ! Ci avete messo oltre settant’anni per prendere questa decisione ??? Fate come quei venduti di BOLOGNA che hanno intitolato un viale a LENIN !?! Nessuno intitola un viale ai caduti nelle Foibe, no ! Magari a TITO oppure A Togliatti che ha venduto la vita di tantissimi prigionieri italiani rinchiusi in Siberia ! EPPURE ERA LI’, vicino al suo compagno STALIN !!! AuguriCompagni ! Vi possa far fogo il primo bicchiere d’acqua !

  • antonio 24 settembre 2018

    non finisco mai i cretini sono il cancro dell’umanità

  • lucio 24 settembre 2018

    Prima di scomparire i sinistrosi devono lasciare un ricordo è l’unico modo per farsi ricordare. Potete togliere la cittadinanza al DUCE per darla agli africani, ma EGLI è stato il miglior statista di tutti i tempi

  • Alf 24 settembre 2018

    Sono sotterrati di mondezza e pensano a queste cavolate? Al grande Mussolini gli potete togliere la cittadinanza ma non la memoria insulsi komunisti!

  • ɐɔᴉsoɹ ɐp ǝʇǝʌɐ ᴉɔsɐɟ 24 settembre 2018

    meglio tardi che mai

  • Pompeo 24 settembre 2018

    Per il rispetto che si deve alla verità storica che non è manipolata dalle ideologie bisogna spiegare a tutti gli antifascisti che dovrebbero essere pure anticomunisti,perché se è vero come è vero che il fascismo fascismo ha fatto male alla democrazia è altrettanto innegabilmente vero che il comunismo ne ha fatto e continua a farne infinitamente dippiu!!

  • sandro 24 settembre 2018

    Ipocriti ignoranti!

  • ANTERO 24 settembre 2018

    Onore a BENITO MUSSOLINI !

    • Paola 25 settembre 2018

      AMEN!!!!!

    • Paola 25 settembre 2018

      Scusate, il mio commento è ad Antero….!!!!!

  • 24 settembre 2018

    Idiota Lui e chi ha sottoscritto l’annullamento . La Storia non si può cancellare .

  • Giulio Centenio 24 settembre 2018

    concordo con i commenti!

  • Agostino 24 settembre 2018

    Pensate che nella mia citta` abbiamo Viale togliatti, l`antiitaliano e questi tolgono BENITO MUSSOLINI,squallide persone, simili ai porci

  • Lisetta Serra 24 settembre 2018

    Un assurdo voler cancellare la storia. Saranno certamente del PD che non hanno argomenti per far parlare di loro e decidono queste stupidate. Pensate al futuro e non al passato! Poveretti …

  • 24 settembre 2018

    Ma che idioti. Mussolini e nato Italiano, Santa Paolina andate a I inferno, siete solamente ignoranti e idioti!!!

  • Andrea 23 settembre 2018

    sono gli allievi del grassone !! sti ipocriti.

  • Andrea 23 settembre 2018

    La mia città trabocca di vie e piazze intitolate e dedicate a spregevoli dittatori o viscidi personaggi politici comunisti che tanto male hanno arrecato( e in molti casi questa assurda ideologia purtroppo gode anche anche oggi di buona salute) all’umanità e francamente l’idea di cambiare loro il nome non può che farmi piacere e spero vivamente che la nuova giunta ponga rimedio a questo obbrobrio.Non so Voi ma io proverei non poco imbarazzo e in alcuni casi persino profonda vergogna ad abitare in via Lenin o via Togliatti e così di seguito.

    • Carlo 24 settembre 2018

      Sono d’accordo con lei su tutta la linea, a me verrebbero i conati di vomito

    In evidenza

    contatore di accessi