Bologna, l’oste si rifiuta di servirlo e lui lo minaccia con il coltello. Arrestato

lunedì 10 settembre 16:44 - di Redazione

Era entrato nell’osteria visibilmente alterato dai fumi dell’alcol, tanto alterato da consigliare al titolare di telefonare immediatamente ai carabinieri della stazione di Marzabotto, in provincia di Bologna. E bene ha fatto l’oste, perché quell’avventore, un italiano 29enne, oltre ad essere ubriaco, era anche armato di un grosso coltello da cucina. Il tempestivo intervento dei militi dell’Arma hanno impedito sul nascere che la situazione potesse degenerare. Il giovani, infatti, è stato arrestato per tentata violenza privata, resistenza a un pubblico ufficiale e porto di armi od oggetti atti ad offendere.

A far scattare le manette i carabinieri di Marzabotto

L’episodio risale a venerdì notte, quando la centrale operativa della compagnia carabinieri di Vergato è stata informata che all’interno di un’osteria di Marzabotto era entrato un giovane uomo armato di coltello. Appresa la notizia, i carabinieri si sono diretti velocemente sul posto e lì sono stati informati della presenza dell’uomo armato che dopo essere entrato nell’osteria aveva conficcato un grosso coltello da cucina nel bancone del locale quando il gestore, vedendolo ubriaco, si era rifiutato di servirgli un bicchiere di rum.

L’uomo era ubriaco: ha conficcato il coltello nel bancone

Preoccupato per l’incolumità degli altri avventori, l’oste aveva chiamato subito il 112. Ma il cliente che si era accorto della telefonata ai carabinieri, si era ripreso il coltello ed era uscito di corsa dal locale. I militari hanno avviato le ricerche del soggetto che è stato individuato poco dopo nelle vicinanze. Alla vista dei carabinieri, il 29enne inizialmente ha opposto resistenza, poi è stato identificato e arrestato. Il coltello non è stato ritrovato. In sede di giudizio direttissimo, l’arresto è stato convalidato e il 29enne è stato rimesso in libertà, in attesa dell’udienza posticipata per la richiesta dei cosiddetti termini a difesa.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi