Venezia, il derubato al ladro: «sto morendo di cancro, era il mio ultimo viaggio»

giovedì 19 luglio 14:40 - di Redazione

«Questo è il mio ultimo viaggio con mia moglie. Sto morendo di cancro». E’ terribile la lettera aperta che un turista americano, Michael Veley, in vacanza a Venezia, derubato durante una corsa in vaporetto, scrive «a chi mi ha rubato il portafogli».

Il borseggio, uno dei tanti che capitano quotidianamente nella città lagunare terreno di caccia di orde di zingari, risale a sabato scorso e il turista si è accorto del furto alla fine del viaggio in vaporetto che dalla Stazione di Venezia lo ha portato a San Marco.
Il portafogli, con circa 300 euro e le carta di credito, era scomparso. A quel punto, il turista statunitense si è recato nel punto interforze di piazza San Marco dove ha sporto denuncia contro ignoti presso i carabinieri che hanno raccolto il suo racconto e ai quali ha consegnato la lettera vergata a mano.

«So che probabilmente non leggerai questo testo e so che non te ne importerà neanche nulla – ha scritto il turista americano in vacanza a Venezia nella lettera resa pubblica dal quotidiano “Il Gazzettino” – Noi siamo arrivati nella tua bellissima città il 14 luglio, alle 14. Sul vaporetto numero 1 sono diventato la tua prossima vittima». Parole che dovrebbero toccare il cuore del ladro..

«Mi hai lasciato senza soldi e senza carte di credito. Immagina solo per un momento quello che questo causa alla tua vittima. Ho pregato per perdonare e prego per te affinché tu ti allontani da questo peccato che ferisce le persone innocenti. Ti perdono», ha scritto il turista statunitense all’ignoto ladro.

Su Twitter il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro ha spiegato di aver contattato il turista per esprimergli la vicinanza della città. «Purtroppo è già fuori Italia – ha scritto – ma quando vorrà sarà il benvenuto a #Venezia e mio ospite personale gratuitamente assieme alla Sua Famiglia».

Un imprenditore milanese si è offerto di risarcire Michael Veley che sembra, però, volatilizzato. Nessuno sa dove sia. E gli stessi carabinieri che hanno raccolto la denuncia e lo sfogo del turista non hanno elementi per rintracciarlo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 20 luglio 2018

    Augurando al turista che abbia tutto il tempo per poter accettare l’invito del sindaco. Ad aver tra le mani quel ladruncolo ….

  • 19 luglio 2018

    Bella reputazione per Italia…perdete il turismo siete finiti!!! Che vergogna!!!

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica