Passa la paura, la Borsa di Milano recupera. E gli speculatori festeggiano

30 Mag 2018 18:34 - di Tano Canino

Tutte paure e tutte menzogne. La Borsa di Milano chiude in rialzo. E perciò, altro che i risparmi degli italiani in fumo. In fumo vanno le bugie dei catastrofisti. E gli allarmi di una classe politica inetta e irresponsabile. Mentre in tasca agli speculatori e ai loro complici asserragliati nei Palazzi del potere vanno in premio un bel po’ di soldi. Piazza Affari rimbalza dopo una serie di sedute in forte ribasso. Cosicché il Ftse Mib segna +2,09% a 21.797 punti. Eccolo servito il gioco della borsa. Spiegato, meglio di ogni economista vero o presunto, dal dito medio di Cattelan che si staglia in quella piazza. Chi doveva fare affari li fa comunque, scommettendo prima sul crollo e poi sul recupero e viceversa. Nessun lavoro vero, nessun sudore, nessuna idea, nessuna invenzione. Solo l’occhio al computer e all’indice. Il capitalismo predatore vive di questo e solo di questo. E con le paure dello spred e dell’instabilità politica si ingrassa e prospera. Giù e su, in basso e verso l’alto. Come se fosse un film. E come se tutti quei film sugli speculatori, sulla finanza sanguisuga del lavoro vero, sul denaro che gira e che non dorme mai, non avessero insegnato nulla, fossero roba per tutte le tasche e per tutti i gusti. Menzogne e paure: sono  questi i mari in cui vivono gli squali delle borse. Ingordi e bugiardi. Pronti a tutto per ottenere l’agognata plusvalenza, per assecondare l’indice del mercato azionario, per accaparrarsi l’utile. Alla faccia del popolo sovrano.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Giorgio Chiola 30 Maggio 2018

    Dia anche i risultati delle aste di BTP di oggi: 1,75Mld BTP 5 anni a 2,32% da 0,56% del 27/4; 1,821Mld BTP 10 anni a 3% da 1,7% del 27/4; 2Mld CCTeu 7 anni a 2% da 0,23% del 27/4 = tanti soldi buttati per nulla; non sarà paura ma la sfiducia non è passata. Questo perchè il popolo sovrano ha detto che i debiti non è detto che vadano pagati. Il problema è che quei debiti se li è comprati il popolo sovrano sia depositando i risparmi in banca sia investendo in fondi pensione o altro. Siamo arrivati a tagliare il naso per fare dispetto alla faccia? Io, nel mio piccolissimo, per osteggiare gli speculatori ho disattivato la remunerazione di portafoglio che serve a fare aprire le posizioni al ribasso proprio sugli strumenti finanziari su cui io ho aspettative al rialzo. Concludo dicendo che il 4 Marzo è stata la prima e, mi dispiace, l’ultima volta che ho votato FDI dato che si è appiattita sulle posizioni di Salvini, peccato.

  • SUGERITI DA TABOOLA