Ora et labora et clicca: benedettini e clarisse dietro la grata i più social del web

19 Mag 2018 13:36 - di Redazione

«Ora et labora et clicca»: la hit parade dei siti cattolici non lascia adito a dubbi o incertezze: la Palma dei più attivi e gettonati va a monaci e monache dietro la grata, con le parrocchie lombarde le più social. È esattamente questa, dunque, la situazione che viene fotografata dalla nuova statistica dei siti cattolici – aggiornata al 18 maggio – in base alla quale monache e monaci di clausura sono le indiscusse “regine” e gli incontrastati “re” del web. nel dettaglio: sono benedettini e clarisse dietro la grata i più social del web

Internet e clausura: benedettini e clarisse i più social del web

In particolare, come registra l’approfondito studio fatto per l’Adnkronos da Francesco Diani, informatico che cura la lista dei siti cattolici italiani, i Benedettini e le Clarisse registrano un vero e proprio boom di presenze su Facebook. I monaci hanno addirittura un incremento del 37,5% rispetto agli ultimi anni. Ai Benedettini tengono testa le Clarisse la cui presenza sul web registra un incremento del 30%. Chissà che sul gradimento social dietro le grate non abbia inciso anche il documento Cor Orans, istruzione redatta dalla Congregazione per gli Istituti di vita consacrata, approvata dal Papa, per cui monaci e monache che vivono in clausura possono fare uso dei social, pure nella sobrietà, anche se recentissimo. «In effetti – osserva Francesco Diani – per questi ordini claustrali si tratta di un incremento di grande evidenza, ad indicare che anche chi vive dietro una grata, a differenza di quanto accadeva nel passato, vuole fare arrivare al mondo la propria testimonianza». La classifica registra l’incremento netto tenendo conto anche dei siti che magari sono stati cancellati.

Religiosi online, testimonianza e partecipazione dalle grate della clausura

In generale, la presenza cattolica sui social, nel tempo, è diventata molto forte: al 18 maggio il numero di siti cattolici è arrivato a quota 14.952 con un incremento del 100%. La parte del leone la fa la Lombardia con 793 parrocchie e un incremento del 2,1% (nel 2007 erano 554). A ruota, le parrocchie del Triveneto (457) e del Lazio (383). Poco internaute le chiese della Basilicata (24 siti ma nel 2007 erano 15) e della Svizzera-Ticino che rimangono con 15 siti come nel 2016. In generale, comunque, sono sempre di più le parrocchie che sbarcano sui social visto che nella hit parade generale hanno avuto un incremento del 26,6%.Tra le associazioni e i movimenti, si registra un decremento generale (L’Azione cattolica, ad esempio, perde un 3,7%, l’Agesci è a -2,6%; il Cammino Neocatecumenale ha un decremento del 18,5%) fatta eccezione per i Movimenti per la Vita che, registrando un incremento del 47,1% (50 nel 2018 contro i 33 siti del 2007), fanno emergere tutta la loro “combattività”, per dirla con l’informatico Diani.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA