L’Austria e altri 8 Paesi chiudono i confini: “Non staremo a guardare”

giovedì 31 maggio 16:33 - di Redazione

I Paesi dell’Europa sud-orientale e l’Austria si stanno consultando per bloccare la crescente migrazione sulla rotta balcanica. Lo ha annunciato ieri il ministro dell’Interno austriaco Herbert Kickl. In seguito a dei colloqui telefonici con i colleghi di Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Kosovo, Macedonia, Serbia e Slovenia, è stato concordato un “piano operativo e politico” per evitare una nuova crisi, ha spiegato il politico di destra Fpoe, senza fornire ulteriori dettagli. Durante la conversazione telefonica del martedì, hanno tuttavia riferito i media austriaci, i Paesi interessati hanno dichiarato di aspettarsi un maggiore sostegno da parte dell’Unione europea. Kickl ha promesso che avrebbe indirizzato la loro richiesta alla prossima riunione dei ministri della giustizia e degli affari interni a Bruxelles e ha ribadito che, se la situazione lo richiederà, l’Austria chiuderà i suoi confini in modo che la crisi del 2015-2016 non possa ripetersi. “I numeri stanno aumentando, e in alcuni casi sono aumentati in modo abbastanza sostanziale”, ha detto il portavoce dell’Unhcr Charlie Yaxley alla Dpa da Ginevra. Tuttavia, ha sottolineato, gli arrivi sono molto al di sotto dei numeri visti due anni fa durante la crisi dei rifugiati. In Albania, quest’anno 1.700 persone hanno cercato asilo, rispetto a 1.050 in tutto il 2017. In Montenegro, ci sono state 858 domande da gennaio, rispetto alle 849 dell’anno scorso. In Bosnia, l’80% dei 5.000 arrivi dall’inizio di quest’anno si è registrato a maggio, ha detto Yaxley. “Non staremo a guardare questo sviluppo, ma lo combatteremo”, ha dichiarato il cancelliere conservatore austriaco Sebastian Kurz dopo aver incontrato il primo ministro albanese Edi Rama a Vienna. “C’è un notevole aumento nel flusso di rifugiati, ma ancora è sotto controllo”, ha detto Rama.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Laura Prosperini 1 giugno 2018

    è ora di chiudere i nostri confini niente più immigrati, niente.
    espellere subito gli irregolari e chi, anche in regola, sia stato condannato (qualsiasi reato).
    Salvini non ci deludere.

  • 31 maggio 2018

    E tempo di chiudere le frontiera di Italia, spedite i militari e fermare la invasione….se no si fa questo Italia e perduta eternamente…spedite tutti i politicanti a casa che credano a ONG e altre associazioni in favore dei clandestini…SALVATE ITALIA

  • POVERA ITALIA 31 maggio 2018

    Quindi Macedonia,Kosovo,Grecia,Bosnia,Serbia,Albania,Croazia,Slovenia,Austria,Ungheria,Polonia
    ed altri ipocriti che nell’ombra fingono di accogliere ma li vogliono addossare a noi. . . tutti razzisti/fascisti o e’ la balla delle balle ! Povera Italia … se anche noi non chiudiamo prima degli altri vengono tutti qua’ !
    FRATELLI D’ITALIA L’ITALIA S’E’ DESTA . . .

  • Donald 31 maggio 2018

    si comincia a capire che questa invasione da asia e africa và fermata in tutti i modi o sarà la fine della civiltà e dei popoli europei

  • In evidenza

    contatore di accessi