Iniziativa napoletana degli ex M5S: nasce il Movimento Sei Stelle

sabato 26 marzo 14:21 - di Redazione

Attacchi al M5s «che ha tradito la democrazia», ma anche al sindaco Luigi de Magistris («Non faremo una lista a suo sostegno, non ha fatto nulla su rifiuti e ambiente»). Su questi presupposti al Palapartenope si sono riuniti i fuori usciti grillini (in 70/80) per il battesimo della neonata associazione che sancisce a tutti gli effetti la scissione dai Cinquestelle. Nasce “Napoli Libera in movimento”, l’associazione politico-culturale – ma presto potrebbe trasformarsi in una lista in campo alle prossime Comunali di Napoli – che raduna i 36 attivisti espulsi a febbraio dal movimento nel capoluogo partenopeo.

Il portavoce degli ex M5S napoletani è Luca Capriello

Il nuovo logo degli epurati grillini, di stelle ne presenta sei «perché la sesta – precisano i ribelli – rappresenta la vera democrazia partecipata che nel movimento di Grillo ci è stata negata». E siccome il nuovo corso degli ex grillini ha bisogno di una rottura simbolica, prima che il portavoce della nuova associazione Luca Capriello prenda la parola, dalla sala arriva l’invito a rimuovere il tavolo un po’ in rilievo dei relatori «perché nessuno deve parlare dall’alto, ma alla pari e in mezzo agli altri». Applausi dalla platea. L’idea della lista in effetti c’è «perché Napoli merita di più di un candidato brianzolo che tifa Juve – spiega Capriello – ma prima devono maturare alcune condizioni». Il riferimento è a Matteo Brambilla, il candidato scelto dai Cinquestelle per la carica di sindaco. «Mai visto prima – dice Marco Sacco, uno degli attivisti espulsi a febbraio – ora e’ un mese che si fa vedere ovunque. Ma non lo conosceva nessuno, un candidato debole che testimonia il disinteresse del movimento per Napoli».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza