Meloni: “il governo non ha ancora capito che è dal Sud che partirà la ripresa dell’Italia”

domenica 3 febbraio 19:32 - di giovanni trotta

Giorgia Meloni torna a criticare le scelte errate della manovra di governo: “L’Italia è in recessione per la fine di una congiuntura internazionale favorevole e per le scelte disastrose fatte dai governi Monti in poi e sostenuti dalla sinistra. Sicuramente la manovra dell’attuale governo non invertirà la tendenza perché ricalca drammaticamente le stesse scelte fatte nel passato: aumenta la spesa, aumenta il debito, non si fanno investimenti, si spende tutto per cercare di accontentare il più possibile i cittadini in vista delle elezioni, non si ha il coraggio di fare scelte dai risultati duraturi. Si fa la scelta del qui ed ora che ha già creato gravi danni all’Italia e rischia di crearne ancora di più”. Lo ha detto, interpellata a Mascalucia (Catania), il presidente di Fratelli d’Italia Meloni, a margine di un evento di sensibilizzazione sullo spettro autistico dal titolo “Servono Sorrisi”. “Il contrasto allo spopolamento del Sud è un tema che Fratelli d’Italia ha posto da tempo – ha spiegato il presidente Meloni – abbiamo chiesto infrastrutture di cittadinanza prima del reddito di cittadinanza e che la spesa per realizzare le infrastrutture sia divisa tra nord e sud al 50 per cento. Sono battaglie che Fratelli d’Italia porta avanti da sempre perché il nostro movimento sa che dallo sviluppo del Sud dipende il futuro dell’Italia intera e non solamente il futuro del Sud”. “Quello che cerchiamo di fare noi è costruire un secondo grande movimento del centrodestra e mi pare che Fratelli d’Italia ci stia riuscendo anche indipendentemente da Berlusconi, che sia alleabile alla Lega e che possa riportare l’Italia a un governo che faccia i suoi interessi nazionali liberandolo dal governo del M5S”. Rincara la dose il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida: ”La credibilità e la sostanza politica del governo Conte sono sempre più prossime allo zero. Le divisioni interne alla maggioranza stanno letteralmente paralizzando l’Italia, bruciando tempo e risorse preziose a causa delle opposte visioni sulla Tav e della guerra tra analisi costi-benefici”. “Nel frattempo – aggiunge – l’arte pilatesca del non schierarsi sta screditando l’Italia agli occhi del mondo intero, prova ne è l’imbarazzante ringraziamento del dittatore venezuelano Maduro all’Italia. È in queste situazioni che la completa assenza di un presidente del Consiglio autorevole e competente fa più danni di due forze opposte che si alleano dando vita a un governo del compromesso”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • MICHELE RICCIARDI 4 febbraio 2019

    4 FEBBRAIO 2019 — Se Salvini perde anche questa occasione (la TAV) per far saltare questo governo, alllora ha ragione chi dice che Di Maio e Salvini hanno tanta volontà e tanto coraggio, ma siccome gli manca la materia prima. capacità e umiltà, sono un grande pericolo per questo paese condannato a morte. Ahinoi, in Italia a causa della inettitudine degli amministratori, le cose urgenti si fanno quando è troppo tardi. Eppure potevi farlo prima! Per evitare danni e tragedie. Così sta succedendo in questo governo.

    • Francesco Storace 4 febbraio 2019

      Parole sante

  • Leonardo 4 febbraio 2019

    Carissima e stimata Giorgia: da siciliano ti posso dire che ho provato con l’impresa che ho aperto qualche anno fa. ti devo dire una cosa che se non si incomincia dalle elementari a insiegnare i bambini a rispettare le regole e l’onestà, non finirà mai la crisi di lavoro nel sud.come fa un imprendittore che dopo tanti anni all’estero ritorna nella sua terra d’orgine per ivestire capitali e provare a chreare lavoro. la prima cosa che mi ha stupito che chiedendo di aprire un CC in banca mi chiedono il certificato anti mafia ( fatto non è altro che un certificato di notorietà) emesso dal comune che nemmeno mi conosce. con la burocrazia e le infrastutture che mancano ( non voglio elencarli perche si sanno).penso che non si cambia di 360° il sud rimarrà sempre cosi.tutto è corrotto, clientaliscmo ecc… e chi piu ne ha ne metta.ci vorrebbe per cambiare l’italia un mussolini in ogni paese per riportare rispetto e ordine e un vivere civilmente.sono molto deluso dai politici. spero che tu riesci a cambiare qualcosa. Auguri e che DIo ti benendica

    • Francesco Storace 4 febbraio 2019

      Abbi fiducia in Giorgia. È sempre più preparata e competente