Battisti domani pomeriggio già a Rebibbia: partito da Roma l’aereo per prelevarlo

domenica 13 gennaio 18:20 - di Redazione
cesare battisti

L’aereo dei servizi segreti (Aise)  decollato da Roma per la capitale della Bolivia La Paz riporterà in  Italia il terrorista rosso Cesare Battisti. Secondo fonti investigative  l’arrivo sul suolo italiano è previsto nel primo pomeriggio. Battisti  sceso dall’aereo verrà condotto nel carcere di Rebibbia, dove inizierà a scontare la sua pena.

Battisti  sarà espulso dalla Bolivia e consegnato all’Italia

Battisti sarà espulso dalla Bolivia per ingresso illegale nel Paese e sarà consegnato alle autorità  italiane. Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza di La PazCarlos Romero, in una conferenza stampa. Battisti, ha precisato, “sarà consegnato dagli agenti boliviani dell’Interpol ai colleghi italiani e la consegna avverrà all’aeroporto Viru Viru di Santa Cruz”.

La telefoinata tra Conte e Bolsonaro

La decisione di trasferire direttamente dalla Bolivia all’Italia Cesare Battisti, senza fare un passaggio in  Brasile, è stata presa dopo che le autorità di La Paz hanno emesso un  decreto di espulsione immediata dal Paese. Lo spiegano  all’Adnkronos  fonti informate, sottolineando che da parte del premier Giuseppe  Conte, nel corso della telefonata avuta con il presidente brasiliano  Jair Bolsonaro, era stata data la più ampia disponibilità all’ipotesi  del trasferimento in BrasilL’e dell’ex terrorista per poi estradarlo da lì in Italia.

L’Italia ha voluto affrettare i tempi

Ma dopo la telefonata, da La Paz è arrivata la notizia del decreto di espulsione immediata nei confronti di Battisti, cui si è ritenuto di  dover dare seguito per evitare di aprire un ulteriore problema legale. Tra l’altro, il  terrorista è in stato di fermo, che nel caso in cui  fossero passate troppe ore avrebbe dovuto essere tramutato in stato di arresto, con il rischio di un ulteriore allungamento dei tempi. Mentre l’obiettivo delle autorità italiane è di riportarlo al più presto a  Roma.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *